Depauperato il patrimonio delle banche

A
A
A
di Marcella Persola 28 Ottobre 2008 | 11:15
Da un’analisi condotta da Mediobanca emerge che ci sono rischi ulteriori di perdite di consistenti volumi di attivi e che gli aumenti di capitale hanno coperto a malapena le perdite subite dagli stessi istituti di credito, che devono ringraziare principalmente il sostegno dei governi.

Non c’è da stare tranquilli quando si parla di banche. Soprattutto ultimamente. E le conferme arrivano anche dall’Ufficio Studi di Mediobanca.

La recente revisione dell’indagine condotta dall’istituto di Piazzetta Cuccia sulle situazioni semestrali delle principali 20 banche europee mostra che il risultato di esercizio è peggiorato fortemente proprio in conseguenza delle perdite rilevanti sulle attività di trading e la svalutazione dei crediti e che i mezzi patrimoniali sono depauperati.

Inoltre molti istituti hanno perso valore di Borsa e sono a rischio di ulteriori perdite in quanto gli aumenti di capitale perfezionati nel primo semestre hanno coperto a malapena le perdite sofferte nel periodo.

In particolare i ricavi complessivi sono calati del 17% passando da 231,3 a 191,2 miliardi di euro (-40,1 miliardi) penalizzati dal passaggio in negativo del saldo delle operazioni di trading. In cocntrotendenza invece i margini di interesse sono saliti da 90 a 111,6 miliardi (+21,6 miliardi, per un incremento pari al 24%), beneficiando dell’aumento dei tassi. Forte, è stato, invece l’incremento delle perdite sui crediti (+73%), ossia si è passati dai 15 miliardi del periodo gennaio-giugno 2007 ai 25,9 miliardi dei primi sei mesi del 2008. Infine la riduzione del risultato netto che si è ridimensionato da 71,6 miliardi a circa 29 miliardi (-59%) nel primo semestre del 2008, quando tre istituti, ossia Credit Suisse, UBS e RBS hanno chiuso in perdita.

Se entriamo nel dettaglio si nota come undici istituti abbiano avviato operazioni di ricapitalizzazione da inizio 2008 e che le somme raccolte pari a circa 59,3 miliardi non hanno rappresentato un rafforzamento del sistema, poiché per la maggiorparte sono andate a colmare il deficit patrimoniale provocato dall’addebito alle riserve della svalutazione degli attivi.

Nel complesso quindi i primi sei mesi dell’anno hanno consegnato una situazione in cui il depauperamento del patrimonio netto è stato superiore alla capacità delle banche di acquistare nuovi apporti dal mercato. Inoltre dopo giugno scorso la situazione si è ulteriormente aggravata e molte banche hanno dovuto richiedere il sostegno pubblico al fine di evitare il fallimento. E’ il caso, ad esempio, di Fortis, che è stata aiutata dal governo olandese, o le tre banche inglesi RBS, Lloyds TSB e HBOS aiutate dal piano varato dal governo inglese per ricapitalizzare le tre banche; oppure il governo francese che è intervenuto a favore di sei istituti di credito francesi (Credit Agricole, BNP Paribas, Societe Generale, Credit Mutuel, Caisse d’Epargne e Banque Popolaire) con un impegno di 10,5 miliardi.

Se invece consideriamo il valore complessivo di Borsa delle maggiori banche europee vi noterà che il valore è dimunito del 54,6% passando da 1.100 miliardi di euro di fine giugno 2007 a 499 miliardi del 17 ottobre scorso.
Gli istituti italiani sono quelli che hanno registrato la caduta più contenuta passando da 177 a 93 miliardi (-47,6%). In particolare le maggiori flessioni sono relative a Banca Popolare di Milano (-58,4%) e Unicredit (-55%). Al 17 ottobre la valutazione di Borsa dei 23 istituti era pari a 592 miliardi. Dati che oggi sono già superati dalle nuove turbolenze dei mercati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti