Per le banche è ora di ricapitalizzare

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Ottobre 2008 | 09:45
Oggi si riunisce il Comitato per la Stabilità Finanziaria con lo scopo di incentivare gli istituti di credito, in difficoltà oramai da troppo tempo, a ricapitalizzarsi nel più breve tempo possibile, altrimenti interverrà lo stato. Si parla già di un piano suddiviso, al momento, in due punti, che verrà discusso nella riunione odierna.

Secondo indiscrezioni di mercato, il governo sarebbe pronto a lanciare un ultimatum alle banche. Gli istituti di credito o rafforzano il proprio capitale nel più breve tempo possibile, oppure interverrà lo Stato.

Per il ministro dell’economia, Giulio Tremonti, “così non può andare avanti”. E’ infatti inaccettabile che istituti come UniCredit, Intesa Sanpaolo e Bpm perdano pesantemente ogni giorno. E anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è necessario dare una svolta alla capitalizzazione delle banche italiane, attraverso un piano efficiente e fattibile, attraverso attualmente 2 punti.

Il primo, riguarda il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, che deve compiere una due diligence sul livello di patrimonializzazione delle banche, accertandone il livello di adeguatezza patrimoniale.

Il secondo, riguarda l’individuazione di uno strumento adatto per spingere le principali banche italiane, come Bpm, intesa Sanpaolo, UniCredit e Mps a ricapitalizzarsi.

Nel caso non si riuscisse a trovare una soluzione ai primi due punti, lo Stato potrebbe entrare nel capitale delle banche o con prestito subordinato o con la sottoscrizione di azioni privilegiate senza diritto di voto.

Al momento l’unico punto certo è che il tempo stringe e urge velocemente una soluzione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ansiogeno Tremonti

Europa, la ricetta di Tremonti

Sale il rendimento dei BOT

NEWSLETTER
Iscriviti
X