Tremonti, non nazionalizziamo le banche. Cambiamo il mondo

A
A
A

Giulio Tremonti assicura che l’intervento dello Stato nella banche avverrà solo in determinate condizioni e se richiesto. Ma soprattutto sarà sempre e comunque un intervento transitorio. E annuncia la nascita di un “nuovo mondo”.

di Redazione31 ottobre 2008 | 11:40

Nel corso dell’84esima giornata mondiale del risparmio il ministro dell’Economia Giulio Tremonti tranquillizza tutti in merito al ruolo dello Stato nelle banche.

“Per un governo avere azioni di banche nuove gravemente alla salute politica” ha subito chiarito Tremonti, per questo l’intervento deve avvenire solo se necessario, utile e richiesto.

“Assumere azioni delle banche – ha spegato ulteriormente il ministro dell’Economia – puo’ essere solo una trasitoria necessità, ma non una pratica”. Tremonti si mostra quindi in linea con le parole del Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, che auspica che qualunque intervento dello Stato sia temporaneo. E anche in linea con l’appello fatto dal presidente dell’Abi Corrado Faissola, di mantenere il carattere “privatistico” delle banche.

Giulio Tremonti ha poi proseguito il suo intervento attaccando nuovamente la globalizzazione che ha causato, secondo il ministro dell’Economia, l’attuale crisi per “i tempi e i modi in cui è stata realizzata”. “C’é un mondo antico da tutelare e c’è un nuovo mondo da costruire”, ha sottolineato Tremonti. E questa sarà la missione della presidenza italiana del G8.

Secondo il ministro dell’Economia quella potrà essere l’occasione per ragionare “tutti insieme su quanto è successo, per costruire un mondo basato sul primato dell’etica, sul primato delle legge rispetto alle prassi e sul primato dei valori rispetto agli interessi”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

La Consob sanziona una società abusiva

Provvedimento ai danni della Profitier Ltd e della sua amministratrice Vanessa Marie-Antonie Paget. ...

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Secondo l’indagine Centro Einauidi–Intesa San Paolo, le famiglie che hanno puntato su prodotti d ...

Rendiconti falsi e appropriazione indebita, radiato un cf ex Fideuram

Provvedimento dell’authority ai danni di un professionista originario di Verona ...