Promotori finanziari – Come gestire chi ha perso 200.000 euro

A
A
A
di Redazione 31 Ottobre 2008 | 14:30
A seguito anche dell’intervento dell’avvocato Pierluigi Parrini di Firenze in merito alle prospettive relative ad eventuali azioni legali nei confronti delle banche che hanno venduto obbligazioni o polizze index legate alla Lehman Brothers sono pervenute numerose domande da parte di nostri lettori che hanno richiesto consigli in merito alla possibilità di instaurare vertenze giudiziarie contro gli istituti di credito per ottenere un risarcimento.

Personalmente mi sono rivolta allo studio legale (tramite la sede Adusbef della mia città), per la miglior tutela del diritto leso in quanto la Banca mi fece acquistare come SICURI i bond Lehman Tsy 12.8.11 TV e Lehman 6.6.17 TM Eur (duecentomilaeuro complessivi) ed io ho saputo SOLO dalla televisione del fallimento Lehman. A tutt’oggi la Banca non mi ha inviato nessuna comunicazione scritta, anzi hanno indetto un loro AUMENTO di CAPITALE perché a loro dire si devono espandere e fare acquisizioni. Mi sono sentita veramente ignorata.
e-mail firmata

Risponde la redazione di Bluerating.com

Prima di entrare nel caso specifico della nostra lettrice è necessario fare una distinzione in relazione  alla tipologia dell’investimento effettuato: se trattasi di sottoscrizione di obbligazioni (bond) emesse da Lehman; o se invece si tratta delle cosiddette polizze index linked, contratti di assicurazione sulla vita il cui valore delle prestazioni è legato all’andamento di un determinato indice di tipo obbligazionario o azionario.

In questo ambito le caratteristiche di dette polizze possono essere assai variegate (come detto più volte nel sito Bluerating.com): ci possono essere quelle a capitale interamente garantito, quelle in cui il capitale è garantito parzialmente, quelle in cui è escluso un rendimento minimo o addirittura la restituzione del capitale.

Una volta accertata la tipologia dell’operazione occorre valutare se nel comportamento tenuto dall’intermediario finanziario siano ravvisabili o meno violazioni alla vigente normativa. che, come noto, è costruita dal T.U.F (Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria) e dai regolamenti applicativi emessi da Consob.

Al riguardo una sia pure sommaria indicazione potrebbe essere data solo dopo una attenta verifica della documentazione inerente i citati acquisti. E, soprattutto dopo un’attenta disamina relativa alle modalità di prestazione del servizio di negoziazione dei bond al fine di poter o meno riscontrare l’esistenza di violazioni degli obblighi  comportamentali e informativi da parte della banca.

Detto questo, seppur non punibile legalmente, il silenzio della banca denunciato dalla nostra lettrice denota nel caso specifico la completa assenza di un servizio di consulenza finanziaria, un’incapacità nel fidelizzare la clientela e, soprattutto, un completo disinteresse per il cliente finale. Forse un risparmiatore che perde 200.000 euro per un investimento diventato con il tempo “tossico” non merita una telefonata e un nuovo check up finanziario.

Se anche voi volete scrivere un pezzo che vada oltre il semplice commento breve della notizia, esprimere la vostra opinione, presentare il vostro caso, chiedere un parere ai nostri esperti, scriveteci!

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti