Crolla l’utile di Societe Generale

A
A
A
di Redazione 3 Novembre 2008 | 11:45
L’istituto francese ha chiuso il terzo trimestre del 2008 con un utile in calo dello 83% rispetto al periodo precedente. A pesare sul dato sono state svalutazioni da 1,4 miliardi di euro di cui 453 milioni relative alla bancarotta di Lehman Brothers.

Societe Generale ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto in calo dell’83% a quota 183 milioni, rispetto agli 1,15 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso.

Dietro a questo imponente crollo vi sono stati gli accantonamenti e le svalutazioni relative all’attività di banca di investimento e finanziamento per 1,4 miliardi di euro di cui 453 milioni relative alla bancarotta di Lehman Brothers.

Guardando le più importanti voci di bilancio, il profitto netto ha registrato un -55% a  quota 1,9 miliardi rispetto ai precedenti 3,9, il fatturato ha segnato un -5% attestandosi a 5,1 miliardi, rispetto ai 5,4 dello stesso periodo dell’anno precedente, mentre il settore retail ha realizzato un +2,4%. Nonostante il risultato in forte flessione, l’istituto guidato dal direttore generale, Frederic Oudea, (nella foto a destra)  ha portato il suo Tier1 da 8,1 a 8,5%.

Societe Generale è la prima banca francese a rendere noti i risultati del terzo trimestre. Quelli di BNP Paribas usciranno il 5, mentre quelli di Credit Agricole il 13.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti