Assogestioni, UniCredit e Intesa Sanpaolo guidano i deflussi

A
A
A
di Redazione 6 Novembre 2008 | 14:45
Metà della perdita registrata dal risparmio gestito a ottobre è dovuta alla raccolta di UniCredit e Intesa Sanpaolo. Tra le 60 associate Assogestioni che hanno comunicato i dati solo 6 vantano un saldo negativo. Ma non si va oltre i 55 milioni di Mediolanum.

I dati diffusi da [a]Assogestioni[/a] sono ancora una volta inesorabili. Perdere circa 23 miliardi di un solo mese lascia poco spazio a qualunque tipo di interpretazione e giustificazione (anche se ottobre ha “beneficiato” degli effetti negativi della crisi post-fallimento Lehman). Complessivamente non ci sono motivi per sorridere, da inizio anno il saldo è negativo per oltre 120 miliardi e il patrimonio totale gestito dalle SGR si è ridotto di 181,78 miliardi di euro.

E il numero di società che possono ancora vantare su un saldo mensile positivo è ormai ridotto a sei. Di queste solo tre registrano una raccolta netta a due cifre: [s]Mediolanum[/s] (+55 milioni) e [s]State Street Global Advisors[/s] (+52,3 milioni) e Fondaco (+18,9 milioni). Le altre devono fare i conti con perdite anche ingenti. Tra queste spiccano i due più grandi gruppi bancari italiani che da soli hanno perso oltre 10 miliardi di euro: [s]UniCredit[/s] (-6,67 miliardi) e [s]Intesa Sanpaolo[/s] (-3,76 miliardi).

Alessandro Profumo e Corrado Passera sono però in “buona” compagnia. Tra le 60 associate che hanno comunicato i dati di ottobre ad Assogestioni quattro (oltre a Intesa e UniCredit) devono fare i conti con un saldo di raccolta negativo per oltre un miliardo di euro: MPS (-1,95 miliardi), Anima (-1,23 miliardi), Credit Agricole Asset Management (-1,15 miliardi) e Arca (-1,17 miliardi).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, una cosa da boomer

Fondi, una raccolta da 10. Intesa schiacciasassi, Poste insegue

Fondi, l’Europa accoglie le richieste dell’industria sul regolamento PRIIPs

NEWSLETTER
Iscriviti
X