Promotori Finanziari – Valigetta piena d'offerte per i pf Mediolanum

A
A
A
di Redazione 10 Novembre 2008 | 09:30
Tra le reti che hanno spinto maggiormente sul reclutamento c’è, come consuetudine, Banca Mediolanum. La struttura guidata dal banking group manager Giovanni Marchetta, che da tempo investe sulla formazione e preferisce costruire in casa i propri professionisti, avvalendosi anche di una divisione esclusivamente dedicata alla costruzione della rete, ha infatti dato il benvenuto negli ultimi 48 mesi a ben 38 promotori.

Una continua ricerca di professionisti che sta portando i risultati sperati: negli ultimi mesi infatti l’istituto guidato da Ennio Doris (nella foto) può vantare, per quanto riguarda la raccolta, la leadership indiscussa tra le reti, con il picco nell’ultimo mese di ben 133,32 milioni.

Grazie a quali strumenti nella valigetta i promotori di Doris riescono a realizzare questi risultati? Per venire incontro alla crescente offerta e popolarità dei pronto contro termine, per esempio, Banca Mediolanum ha appena lanciato sul mercato Tasso Netto, la nuova soluzione d’investimento che grazie alla consulenza dei family banker ti permette di approfittare, mediante un’operazione della durata di 2-4 mesi, di un rendimento netto del 4,5% annuo.

Come spiega Edoardo FontanaRava, responsabile marketing prodotto di Banca Mediolanum, “i motivi del boom dei PCT si possono sintetizzare in tre punti: la durata del contratto è breve, di solito qualche mese, e non rappresenta quindi una forma di investimento particolarmente impegnativa nei momenti d’incertezza. La semplicità: i PCT garantiscono un rendimento fisso stabilito in anticipo nei termini del contratto; ed infine la facilità. Sono, infatti, prestiti caratterizzati dalla presenza di una garanzia collaterale – titoli di stato europei e delle principali banche italiane nel caso di Tasso Netto – la cui funzione principale è quella di tutelare il prestatore di liquidità a fronte di un eventuale inadempimento dell’emittente”. Inoltre il PCT beneficia della garanzia Mediolanum e di una tassazione agevolata, rispetto ai conti deposito, del 12,5%, anziché del 27%.
 
”Anche se non è facile differenziare i diversi PCT dal punto di vista del marketing – conclude FontanaRava – Tasso Netto si distingue per la grande libertà: non è riservato unicamente ai nuovi clienti e per aderire all’offerta bastano solo 15.000 euro (fino a 500.000). Il contratto inoltre non prevede dopo 6 mesi, come in altri casi, la sottoscrizione di altri prodotti”. Inoltre i promotori guidati da Marchetta negli ultimi mesi possono contare su due strumenti particolarmente competitivi: Best Brands e Double Chanche.

Nel marzo scorso Mediolanum aveva già avviato, infatti, un prestigioso accordo con 3 tra le principali case d’investimento mondiali, vale a dire BlackRock , JPMorgan Asset Management e Morgan Stanley Investment Management, in base al quale con ciascuna società sono stati messi a disposizione della clientela, con un taglio minimo dell’investimento di 5.000 euro, i primi 3 fondi di fondi, azionari globali. Circa due mesi fa oltre alle prime tre case hanno aderito a questo accordo anche altri 15 importanti player come Aberdeen, AllianceBernstein, AXA Rosemberg, BNP Paribas Investment Partners, BNY Mellon Asset Management, Credit Suisse, Fidelity International, Franklin Templeton Investments, Goldman Sachs Asset Management, Henderson Global Investors, Investec Asset Management, Legg Mason , MFS Investment Management, Schroders e T.RowePrice.

Per quanto riguardo Double Chanche si tratta di un servizio finanziario che prevede da parte dei sottoscrittori il deposito di un capitale (minimo di 25 mila euro) su un conto remunerato di Banca Mediolanum al tasso minimo del 5% garantito per 24 mesi o all’Euribor a tre mesi, se più alto. Obiettivo del servizio è quello di predisporre in automatico investimenti periodici sui mercati azionari internazionali utilizzando i fondi azionari globali nati in collaborazione con le tre Case di investimento. Il cliente può scegliere la durata del servizio: 3, 6, 12, 18 o 24 mesi.

In tal modo, utilizzando la strategia del Dollar Cost Average, viene assicurato l’acquisto a costi inferiori alla media sfruttando appieno la volatilità del mercato. Infine per “agganciare” i clienti i promotori di Banca Mediolanum possono contare sul nuovo mutuo Mediolanum Freedom, che ridurrà unilateralmente i tassi di interesse dei mutui di circa lo 0,64 %. In conclusione, per contrastare la crescente volatilità e instabilità dei mercati, la società di Doris ha deciso di rispondere a tutto campo mettendo nelle mani dei propri promotori strumenti altamente innovativi e competitivi. E non a caso è tra le poche reti con il segno più…

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mediolanum, Pirovano presidente

Banca Mediolanum, i perché della fine di un’era

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X