Promotori Finanziari – Ecco chi va dietro la lavagna

A
A
A
di Redazione 3 Dicembre 2008 | 13:41
Superare l’esame per diventare promotore finanziario può rivelarsi uno scoglio insormontabile. Almeno così la potrebbero pensare i candidati di Sicilia, Basilicata e Calabria. Gli esiti dell’ultimo esame scritto per l’iscrizione all’albo hanno, infatti, visto queste regioni contendersi l’ultimo e il penultimo posto nella classifica dei promossi…

Superare l’esame per diventare promotore finanziario può rivelarsi uno scoglio insormontabile. Almeno così la potrebbero pensare i candidati di Sicilia, Basilicata e Calabria.
 
Gli esiti dello scritto per l’iscrizione all’albo Consob tenutosi il 14 novembre scorso hanno visto, infatti, i candidati che si sono presentati in queste tre regioni ottenere dei risultati alquanto scarsi, specie se confrontati con i loro colleghi del resto d’Italia.

Vanno dietro la lavagna senza dubbio i candidati della Basilicata: su 31 presenti allo scritto soltanto 5 sono stati promossi, portando la percentuale di quelli “che ce l’hanno fatta” al 16,13%.

Poco meglio, o forse meno peggio, hanno fatto gli aspiranti promotori della Sicilia e della Calabria. Mentre nell’isola la percentuale dei promossi è del 18,64 (su 220 aspiranti che si sono presentati solo 41 hanno superato il test) in Calabria tale quota sale al 20,61% (su 131 candidati sono passati all’orale solo in 27), comunque un risultato tra i peggiori di tutta la penisola.

In conclusione la domanda sorge spontanea: perché i candidati di queste regioni si sono presentati all’esame della Consob poco preparati, come scolaretti che hanno paura delle domande trabocchetto?

Basti pensare che qualcheduno non è stato nemmeno in grado di risolvere il dilemma sul significato della sigla Etc, terza domanda presente nel test di ammissione…

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio, Consob lancia l’allarme sul fintech e cripto

Consob e Bankitalia: attenzione alle cripto

Consob, la consulenza fa sempre discutere

NEWSLETTER
Iscriviti
X