New Star AM – la ristrutturazione porta al delisting

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 4 Dicembre 2008 | 09:30
Si avvia alla conclusione l’esperienza di Borsa di New Star AM. La società di gestione attiva nei fondi long only e nei fondi hedge, ha presentato un nuovo accordo per la ristrutturazione del debito del gruppo che passa per l’ingresso delle banche nel capitale e il delisting dalla Borsa di Londra.

Secondo quanto comunicato dalla stessa società, New Star avrebbe presentato un progetto di risrutturazione che prevede la conversione in titoli di 240 milioni di sterline sui 260 milioni di debito totale.

In questo modo il sindacato di banche che detengono il debito dell’asset manager disporrà del 75% dei nuovi titoli New Star AM  e 94 milioni di sterline su 100 delle nuove azioni privilegiate convertibili.

Il gruppo, che da settimane sta trattando con le banche per risolvere l’annosa questione debitotia, ha inoltre confermato che il processo di ristrutturazioen prevede il delisting della società dalla Borsa di Londra.  Anche oggi il titolo New Star soffre della criticità del momento registrando un calo di oltre 50 punti percentuali a meno di 3 pence per azione.

Sembra concludersi così la storia di una  delle più interessanti realtà nel modo della gestione patrimoniale. Fondata nel 2000 dal veterano degli investimeti John Duffield, New Star AM è arrivata in pochi anni a gestire un patrimonio superiore ai 15 miliardi di sterline riportando performance molto interessanti per i propri clienti. Scoppiata la bolla del credito e il calo dei listini azionari, anche la società con sede a Londra ha sofferto calo delle performanc e fuoriuscita di capitali che hanno pesantemente influenzato il valore di Borsa del gruppo e di conseguenza impattatto sulla struttura patrimoniale e debitoria della società.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BlackRock, quella consulenza nella bufera

Pictet, il roadshow diventa uno spettacolo digital

Performance fee, il giro di vite dell’Esma cambia tutto

Asset allocation: occhio all’obbligazionario degli Emergenti

Mediolanum, una rivoluzione sostenibile

Polizze, nuovo comparto di Lyxor nella multiramo di Cnp Partners

Consulenti, fra Trump e Biden vincono le infrastrutture

Vontobel, poker di certificati sui super trend

IMPact Sim, investimenti certificati dalla Cei

Consulenti: non perdete il Salone dell’Asset Management, mancano 77 giorni all’evento dell’anno

Quant 2020, aperte le iscrizioni per l’evento dedicato all’asset management

Jupiter AM, si rafforza il team azionario

Azimut: campagna d’Egitto

Risparmio gestito, record di profitti

Col vento in poppa

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

Asset management, le 10 ricette per avere successo

Al Salone del Risparmio torna LEADER, con un tocco di rosa

PHOTOGALLERY – Le migliori università europee per sfondare nell’asset management

Fondi, in 3 vogliono Pioneer

Mediolanum, premiato l’asset management “made in Ireland”

Nel 2013 pochi asset ma molto management

Legg Mason gam: l’investimento digitale arriva su iPad

Arc AssetManagement accoglie Giudici nel suo team

Amundi debutta il colosso francese

UNEP FI: investire sulle energie pulite

Julius Baer gioca la carta Collardi

BlackRock, le masse scendono del 12%

NEWSLETTER
Iscriviti
X