Le banche digitali mettono nel mirino 3 milioni di utenti e-commerce

A
A
A

Secondo uno studio di CheBanca!, i consumatori che abitualmente fanno acquisti online sono un segmento interessante di potenziali clienti anche per gli istituti di credito.

Marco Barlassina di Marco Barlassina30 novembre 2016 | 10:33

MERCATO APPETIBILE – Il prossimo target delle banche digitali? Gli oltre 3 milioni di italiani che effettuano abitualmente transazioni di e-commerce ma che non si sono mai avvicinati al digital banking. E’ quanto emerge dal CheBanca! Digital Banking Index, rilevazione sullo stato dell’arte delle nuove forme di fare banca presentato oggi a Milano elaborata da Human Highway. I correntisti che a settembre 2016 accedono ai loro conti correnti da Web o App sono ben 17,7 milioni (il 60% serviti dai 5 principali gruppi bancari e il 23% da banche native digitali). Di chi si tratta? Si tratta per lo più di maschi (56,9%) con un’età inferiore ai 45 anni (54%) e che vivono al Nord (48,5%). I soggetti con disponibilità di spesa elevata (superiore 2.000 euro al mese) che operano online sono circa il doppio rispetto al segmento complementare dei bancarizzati non online (16,2% vs 8,7%). Sul fronte opposto tuttavia troviamo ancora 6,3 milioni di persone che non operano sui loro conti attraverso la rete pur avendo un conto corrente e utilizzando Internet in modo regolare: un notevole potenziale di crescita per i servizi bancari digitali.

3 MILIONI DI PERSONE – All’interno di questo gruppo il campione più interessante per le banche digitali è rappresentato da 3,2 milioni di persone che effettuano abitualmente transazioni di e-commerce ma che non si sono mai avvicinati al digital banking.Si tratta di un target particolarmente interessante per le banche perché l’acquirente online è più maturo che giovane. e sono persone che hanno un reddito elevato.Le ragioni di questa chiusura al digital banking sono riassumibili in tre categorie: nessun bisogno nel 52% dei casi (il servizio tradizionale soddisfa tutte le necessità), i timori legati alla sicurezza (14%) e la (presunta) incapacità a fare uso del conto online nel 19% dei casi.Altro punto di rilievo della ricerca è la consacrazione del mobile banking. Gli utenti mobile sono infatti cresciuti da 3,6 milioni a marzo 2015 a 5,2 milioni a settembre 2016. In pratica, tre correntisti online su dieci (30,7%) accedono abitualmente alla propria banca tramite smartphone e il 5,5% dei correntisti online a settembre 2016 è “mobile only” mentre solo 18 mesi fa la percentuale non superava il 2,5%. La filiale si conferma però un punto di contatto fondamentale nel rapporto tra il cliente e la propria banca, restando il punto di riferimento per le operazioni più complesse.

LE ABITUDINI DEI CORRENTISTI – I diversi punti di contatto tra il cliente e la banca continuano a differenziarsi per utilizzo e le App vengono usate prevalentemente per le operazioni di base: il 26% dei clienti accede per controllare saldo e movimenti; il 21% per effettuare bonifici e pagamenti; solo il 3% per il trading e l’investimento in fondi e polizze. La situazione non cambia considerando gli accessi via Web: l’utilizzo per effettuare trading di titoli, investimenti in fondi e polizze e stipulare certificati e conti deposito è ancora scarso, per queste operazioni la filiale rimane il canale preferito.Il trend si conferma nonostante le banche offrano tramite App servizi sempre più complessi, che vanno al di là del semplice controllo di saldo e movimenti sul conto e dei pagamenti. Cresce significativamente l’offerta relativa ai pagamenti P2P (54% a settembre 2016 vs 13% di marzo 2015) e continua ad aumentare la possibilità di effettuare operazioni di trading da mobile (67% vs 50%).

LA RIVOLUZIONE DEI ROBO-ADVISOR – La vera rivoluzione in termini di educazione finanziaria vede protagonista il robo-advisor, un consulente finanziario virtuale che offre servizi personalizzati sugli investimenti. La conoscenza di questo strumento è notevolmente cresciuta negli ultimi mesi: in sei mesi il numero di chi afferma di conoscere in modo più che vago la proposta dei robo-advisor è cresciuto da 200mila a 500mila individui. Anche in questo caso a essere più consapevoli di questa opportunità sono soprattutto i clienti delle banche native digitali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mediobanca Sgr, benvenuti nella fabbrica di Piazzetta Cuccia

Tre nuovi fondi per Mediobanca Sgr

CheBanca!, ora pagare Anasf è più facile

CheBanca!, accordo con Ram nel nome del wealth

“Sempre di più”, prima convention per i cf CheBanca!

CheBanca! continua la corsa ad aprile

Consulenti, CheBanca! ingrana la marcia

Consulenti: Credem vince su CheBanca!

La rete di CheBanca! a forza 20

CheBanca! saluta il 2018 con oltre 20 ingressi

Consulenza e banche, tra digitale e nostalgia

CheBanca! ingaggia 9 cf in Campania ex Azimut e Banca Mediolanum

CheBanca! saluta 30 ingressi nel trimestre

CheBanca! distribuirà 37 fondi di Edmond de Rothschild Am

Consulenti, è guerra tra Credem e CheBanca!

CheBanca! preme l’acceleratore sulla rete

Quattro comparti di TCW nella rete di CheBanca!

CheBanca!, l’indagine rivela: filiale punto di riferimento per chi investe

Columbia Threadneedle e CheBanca!, accordo per distribuire 75 fondi

Consulenti, parte la rete di CheBanca!

CheBanca!, due ingressi di peso in Campania

CheBanca! prepara l’ingaggio di cento cf

CheBanca!, che colpi nel reclutamento in attesa di Marconi

CheBanca! si fa la sua rete di consulenti

CheBanca!, accordo con Orwell per i servizi digitali

CheBanca!, cambio di timoniere

CheBanca! a caccia di consulenti e private banker

Tante novità per la banking app di CheBanca!

CheBanca! vuole chiudere entro giugno l’integrazione con Barclays

Bancoposta e CheBanca! entrano nell’Aiip

L’importanza del digitale per i wealth manager

Il futuro di CheBanca! si tinge di risparmio gestito

CheBanca! prepara la rete dei cf

Ti può anche interessare

Pallavolo, schiacciata vincente di Credem

Il Credito Emiliano sponsor del campionato di serie A di volley ...

Ubi Banca chiude 176 filiali

Continua la cura dimagrante per la rete della banca ...

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Si tratta di un professionista accreditato di un portafoglio di 40 milioni. Ecco chi è e in quale c ...