Assicurazioni alla ricerca di nuovi lidi. Si punta sulle garanzie bancarie

A
A
A
Avatar di Marcella Persola 15 Dicembre 2008 | 15:45
Tutti i vantaggi di trasferire alle assicurazioni le garanzie bancarie. Uno studio di Arfin mette in luce tutti i vantaggi economici e finanziari per le imprese, per le assicurazioni e per le banche.

Il sistema assicurativo può fornire dei prodotti di copertura al sistema bancario che consentano a quest’ultimo di recuperare i patrimoni in momenti di crisi come quello attuale? O meglio le assicurazioni possono soccorrere il mercato delle garanzie bancarie?

A rispondere a queste domande ha provveduto l’Ufficio Studi ArFin, compagnia di assicurazione e riassicurazione guidata da Francesco Jacini, che ha analizzato in uno studio il passaggio del business delle garanzie commerciali dalle banche alle assicurazioni, calcolandone i benefici economico-finanziari.

E dalla ricerca è emerso che i vantaggi sono notevoli per tutti. Imprese, assicurazioni e banche. In Italia il mercato delle garanzie bancarie si caratterizzai per volumi elevati, si parla infatti di circa 121 miliardi, e negli ultimi 5 anni i tassi di sviluppo sono stati sempre più crescenti. Un mercato che fa molto gola alle assicurazioni.

Il passaggio, inoltre, da un prodotto bancario a un prodotto assicurativo, avrebbe secondo gli esperti di ArFIN, notevoli benefici anche per i clienti. Il cliente, infatti, vedrebbe ridursi il valore della sua esposizione che sarebbe indirizzato verso una centrale di rischi e inoltre diminuirebbe il valore delle garanzie richieste come collaterale, oltre il fatto che le pratiche si accelerebbero notevolmente.

Le banche invece dal loro punto di vista potrebbero trasferire i rischi di credito e operativi alla compagnia di assicurazione; godrebbero di un minor assorbimento del capitale di vigilanza (dal 50% al 90%), che potrebbe essere  impiegato in forme più remunerative (14% il rendimento atteso).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

A quota 400 in 3 anni

NEWSLETTER
Iscriviti
X