Promotori Finanziari – Ecco i 3 pilastri di Banca Sara pfs

A
A
A
di Redazione 16 Dicembre 2008 | 10:10
Segue 3 direttive il piano di crescita del 2009 per la rete dei promotori finanziari di Banca Sara, con l’obiettivo di raggiungere entro fine anno una massa netta di 350 milioni.Bluerating ha intervistato il direttore commerciale Marco Riva.

La prima indicazione riguarda il multibrand: “Questo approccio – spiega Marco Riva – permette una migliore ottimizzazione del portafoglio dei clienti e consente una più ampia diversificazione geografica e settoriale e per stili di gestione, considerando la disponibilità di una maggiore gamma di fondi”.

Inoltre tra le molte prassi criticabili del mondo dell’intermediazione il direttore commerciale di Banca Sara pfs ha sottolineato che una delle più dannose “è rappresentata dai target di raccolta e dall’incentivazione sulla distribuzione dei singoli prodotti”. Per quanto riguarda il secondo pilastro del 2009 Riva indica, invece, la grande importanza dell’aspetto tecnologico.

“Banca Sara è l’unica rete che oramai da tempo ha abbandonato l’uso di qualsiasi forma cartacea negli aspetti amministrativi della professione. Per il 2009 contiamo di migliorare la piattaforma tecnologica e investiremo parecchie risorse sul sito internet”.

L’ultimo punto qualificante per il 2009 Di Banca Sara pfs riguarda il lancio del servizio fee-only, che, a differenza delle tradizionali figure operanti nel settore, prevede l’istituzione di un consulente che non percepisce provvigioni da commissioni d’alcun genere da banche, SIM ed è completamente svincolato dalla vendita di prodotti finanziari ed eroga un servizio di consulenza “puro” al cliente.

“In ogni caso nel corso dell’anno – conclude Riva – insisteremo sul progetto Banca Sara Hi-fi, destinato ai promotori con almeno quattro anni di anzianità e oltre 5 milioni di portafoglio, che prevede l’ accantonamento di una quota da destinare a una gestione separata di Sara life con rendimento garantito. Inoltre abbiamo avviato, l’ iter per ottenere la certificazione Iso 22222 per la qualità del servizio. Un ulteriore passo sulla strada del miglioramento degli standard”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X