Confindustria avvisa: mutui in calo e le banche intanto tagliano gli impieghi

A
A
A
di Marcella Persola 17 Dicembre 2008 | 12:30
Cala dell’1,8% l’erogato dei mutui nel mese di ottobre. A confermarlo è il Centro Studi di Confindustria che spiega i motivi che hanno spinto questo settore al ribasso. Ma con una sorpresa. Se scendono i mutui sale il credito al consumo.

Lo si è detto più volte, ma adesso la conferma arriva anche da una voce autorevole, quella di Confindustria. Diminuisce sempre di più l’erogazione dei mutui alle famiglie italiane. Almeno secondo quanto riportato dal Centro Studi di Confindustria. L’ammontare erogato dei mutui e’ infatti  in calo rispetto ai dodici mesi precedenti, con una flessione dell’1,8% in ottobre, pari a una riduzione dello stock di 4,8 miliardi di euro. Cattiva notizia per chi sperava di poter recuperare con i mutui ciò che dal risparmio gestito non riusciva più a realizzare.

I motivi di un andamento così pessimo del segmento mutui si può certo ricercare nel fatto che le famiglie in questo clima di incertezza, recessione e inflazione hanno dato degli tagli decisivi alla spesa. Infatti nel report di novembre realizzato dall’associazione guidata da Emma Marcegaglia si mette in evidenza che nei primi sei mesi dell’anno i consumi sono scesi dello 0,3% annuo a fronte di un aumento reale del reddito dello 0,5%.

Ma se dal segmento mutui lo notizie che giungono non sono positive, tiene, invece, l’erogazione di credito al consumo: +5,4% annuo in ottobre, pari a +2,8 miliardi di euro. Nel complesso sono diminuiti i prestiti alle famiglie: 1,9 miliardi di euro in meno sull’ottobre del 2007, giustificata anche questa da una minore domanda da parte delle famiglie e da una maggiore selettività da parte delle banche che hanno allungato i tempi di erogazione.

In deciso rallentamento anche il credito bancario alle imprese che ha rallentato a partire dal mese di ottobre del 2007 quando si era toccato un picco di crescita del 14,7%. Ma non solo verso le imprese lo stesso atteggiamento si avrebbe anche nei confronti dei privati. In alcune chiacchierate informali abbiamo constatato, infatti, che alcune banche hanno passato un imperativo molto categorico agli sportellisti: “nessun impiego“. Quindi neanche fidi minimi. E’ l’inizio della fine? Voi cosa ne pensate?  Scriveteci le vostre riflessioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il governo fa annunci, l’Italia avrebbe bisogno di fatti

Giglio Group, accordo con Confindustria per la fornitura di mascherine alle aziende

Allarme crescita da Bankitalia e Confindustria

NEWSLETTER
Iscriviti
X