Promotori Finanziari – 3 milioni di buoni motivi per essere radiati

A
A
A
di Redazione 19 Dicembre 2008 | 09:00
3 milioni di euro. E’ questa la cifra che un promotore avrebbe sottratto a diversi clienti. Dopo aver deciso di sospenderlo per sessanta giorni Consob non poteva fare altro che radiarlo.

Con la delibera 16654 Consob ha comunicato la radiazione e cancellazione di Maurizio Masconale dall’albo unico nazionale dei promotori finanziari.

Dopo aver sospeso in via cautelare il promotore per un periodo di sessanta giorni, Consob, per i medesimi fatti contestati, ha deciso di prendere la decisione più vigorosa. Il promotore avrebbe, infatti, acquisito la disponibilità di somme o di valori di pertinenza di clienti, per un importo totale di circa 3.000.000 euro, comunicato o trasmesso a detti clienti informazioni o documenti non rispondenti al vero, eseguito operazioni non autorizzate dai clienti, contraffatto la firma dei clienti su modulistica contrattuale o altra documentazione relativa ad operazioni dai medesimi poste in essere e confuso il patrimonio dei clienti.

Considerato che neppure in fase procedimentale il promotore ha esercitato alcuna facoltà difensiva e le gravi violazioni poste in essere sono, da un lato, ampiamente comprovate dalla documentazione e dalle informazioni trasmesse da Rasbank e, dall’altro, pienamente confermate da quanto comunicato da Banca dell’Artigianato e dell’Industria, da Unicredit Banca, da Unicredit Private Banking e da Banca Popolare Antoniana Veneta Abn Amro, in seguito all’attività istruttoria condotta, la Commissione non poteva decidere altrimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti