Consulenti finanziari: più richiesti, anche dai giovani

A
A
A
di Andrea Giacobino 5 Gennaio 2017 | 08:28
Dal 2008 al 2016 sale dal 40% ad oltre il 50% il desiderio di advisory. Anche fra chi ha meno di 40 anni.

Cresce il desiderio di consulenza finanziaria, soprattutto fra i giovani, secondo alcuni, invece, soggetti che puntano solo sui robo advisor. L’analisi arriva dall’autorevole società di consulenza americana Cerulli Associates che nel suo ultimo “The Cerulli Edge – U.S. Edition, January 2017 Issue” evidenzia come dal 40% degli investitori americani che nel 2008 esprimevano il desiderio di ricevere advisory sui propri investimenti siamo arrivati ad oltre il 50% nel terzo trimestre dello scorso anno.

 

La remunerazione della consulenza dice Scott Smith, director di Cerulli, ha un’alta correlazione con il patrimonio dell’investitore ma una correlazione inversa con la sua età e quindi i giovani sotto i 40 anni dimostrano una più spiccata attitudine a remunerare la consulenza. “Le opzioni digitali sono diventate parte dello scenario dell’advisory – conclude Smith – ma i risparmiatori che hanno davanti processi complessi di scelta decidono di rapportarsi per questi a consulenti fisici”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X