UBP chiude il 2016 in forte crescita

A
A
A

La banca ha registrato un un utile operativo in crescita del 26,3% rispetto all’anno precedente, passando dai 152 milioni di franchi svizzeri di fine 2015 ai 191,9 milioni di fine 2016.

Chiara Merico di Chiara Merico24 gennaio 2017 | 10:52

UTILE IN CRESCITA – Union Bancaire Privée – UBP ha chiuso il 2016 con un utile operativo in crescita del 26,3% rispetto all’anno precedente, passando dai 152 milioni di franchi svizzeri di fine 2015 ai 191,9 milioni di fine 2016. Questo significativo aumento, spiega una nota, è frutto della capacità della banca di adeguare la sua organizzazione agli sviluppi del settore, pur gestendo i costi in modo rigoroso, come attesta il suo cost/income ratio, pari al 67,9% contro il 69,3% di fine 2015. L’utile netto del gruppo è salito a 176,4 milioni di franchi svizzeri. I ricavi al 31 dicembre 2016 hanno evidenziato un forte aumento del 24,7% rispetto all’esercizio precedente, raggiungendo quota 934,6 milioni di franchi svizzeri, contro i 749,7 milioni riportati a fine 2015. Tale progresso è ascrivibile essenzialmente all’incremento degli interessi attivi e delle commissioni, legato a una crescita della banca, soprattutto in Asia, e a un forte sviluppo dell’attività commerciale nella regione EMEA. I costi d’esercizio si sono attestati a 634,7 milioni di franchi svizzeri (+22,2% a/a) come conseguenza del completamento del processo d’integrazione di Coutts International.

CRESCITA ESTERNA – Al 31 dicembre 2016 il patrimonio in gestione ha raggiunto i 118,3 miliardi di franchi svizzeri, in rialzo del 7,6% rispetto all’esercizio precedente (110 miliardi di franchi svizzeri a fine 2015). L’aumento è dovuto in primo luogo all’incremento del patrimonio in gestione in Asia – importante polo di crescita per la clientela privata e istituzionale – e agli afflussi netti di capitale da parte dei clienti istituzionali (1 miliardo di franchi svizzeri). Tali fattori hanno ampiamente compensato i deflussi legati alle regolarizzazioni fiscali avvenute in Paesi come l’Europa e l’America Latina nonché agli aggiustamenti operati nell’ambito dell’integrazione della clientela di Coutts International. “La strategia di crescita esterna adottata ormai da quattro anni e gli importanti investimenti realizzati nell’Asset Management stanno dando i loro frutti. Vantiamo un buon posizionamento nei diversi mercati dove intendiamo crescere. La nostra capacità di adattamento e la possibilità che abbiamo di offrire in loco ai nostri clienti soluzioni che rispondono alle loro esigenze sono fattori chiave del nostro successo”, sottolinea Guy de Picciotto, ceo di UBP.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UBP, 2020: “L’economia globale a un bivio”

Ubp, in arrivo un nuovo fondo long short sulla tecnologia

UBP lancia la strategia UBAM per potenziare l’offerta negli investimenti azionari

Ubp, il bilancio sorride

Ubp, salta il capo del pb

UBP: mercati emergenti, chi vince e chi perde nel 2019

Ubp punta sulla sostenibilità con Positive Impact Equity

UBP prende ACPI Investments Limited

UBP, utile su del 5,3% nel primo semestre

Nuova strategia Investment grade per UBP

Ubp fa shopping in Lussemburgo

Ubp lancia un fondo arbitrage azionario

UBP: oro, partenza sprint a inizio 2018

UBP: Giappone, da Abenomics primi effetti positivi

In Asia Julius Baer strappa un manager a Ubp

UBP: azionario Europa, crescita degli utili attesa tra il 10% e il 12% nel 2018

Ubp lancia una nuova strategia sul debito sovrano emergente

UBP: euro verso possibili nuovi massimi contro il dollaro

UBP: accordo Opec, la strada è ancora lunga

UBP archivia il semestre con utili in crescita

Ubp: come proteggersi dal protezionismo

UBP: potenziali sottoperformance in vista per il debito sovrano europeo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ubp: Bce sulla difensiva per buona parte del 2017

UBP: l’oro risente delle politiche della Fed

UBP e Partners Group lanciano una strategia innovativa sul reddito fisso

UBP: nel 2017 vento in poppa per le convertibili

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

UBP: Azionario, 2017 in crescita per le “smid cap” europee

Ubp: obbligazionario, ritorni sostenuti possibili solo con una strategia dinamica

Ubp: Opec, strategia fallimentare o vincente?

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Ubp: petrolio, nessun congelamento della produzione in vista

Ti può anche interessare

Consulente, un bravo surfista che lavora in team

Non c’è solo la Mifid 2 a impattare in modo prepotente sul presente e sul futuro del lavoro dei c ...

Advisor Mantra: insegnamenti orientali

Advisor Mantra: Parole e pensieri per accompagnare un’intensa giornata di advisory. Una pillola mo ...

Deutsche Bank, liquidazioni d’oro per i dirigenti

La revisione di Deutsche Bank sembra destinata a diventare sempre più caotica.  Nella giornata del ...