Short selling. Consob apre alle consultazioni

A
A
A
di Marcella Persola 12 Gennaio 2009 | 11:45
Consob conferma le misure restrittive per lo short selling contenute nella delibera del 30 dicembre scorso e apre alle consultazioni. Le osservazioni alla delibera saranno accolte fino al prossimo 23 gennaio.

Ancora misure restrittive sulle vendite allo scoperto. Consob ha deciso di adottare fino al 31 gennaio tali regole, aprendo contemporaneamente le osservazioni alla delibera n. 16765 del 30 dicembre 2008, fino al prossimo 23 gennaio 2009.

La Commissione di Vigilanza guidata da Lamberto Cardia ha stabilito infatti delle regole, come gli altri organi di vigilanza, che siedono nel CESR per vietare l’utilizzo dello short selling. Nella delibera citata si stabilisce il divieto della vendita di azioni di banche e di imprese di assicurazioni o delle relative holding e la vendita di azioni di società che hanno compiuto aumenti di capitale. Nel senso che si stabilisce che l’ordinante deve disporre sia della proprietà dei titoli, sia della disponibilità e non solo al momento dell’ordine, ma fino alla data di regolamento dell’operazione. Per quanto riguarda invece tutte le altre azioni quotate è necessario che la vendita sia assistita dalla disponibilità di titoli.

Tutte queste disposizioni sono state messe in campo dall’authority italiana per rispondere alle esigenze di trasparenza dei mercati richiesto a seguito di quello che è accaduto nei mercati. Non si tratta comunque di una posizione definitiva, in quanto la Consob sottopone alla consultazione la Delibera al fine di raccogliere le osservazioni ed i commenti del pubblico in vista della prossima scadenza del 31 gennaio 2009.

Le osservazioni, come già indicato, dovranno giungere alla Commissione di Vigilanza entro il 23 gennaio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Generali, Consob: via libera all’Opa su Cattolica

Dws e N26, stretta della Consob tedesca

300 mila euro dalla cliente, consulente in Versilia finisce nei guai

NEWSLETTER
Iscriviti
X