Promotori Finanziari – 38 anni e 14,8 milioni sottratti ai clienti

A
A
A
Avatar di Redazione 13 Gennaio 2009 | 08:20
Con la delibera 16695 Consob ha comunicato la radiazione e cancellazione di Riccardo Opipari dall’albo unico nazionale dei promotori finanziari. Secondo la Commissione l’intermediario avrebbe sottratto una cifra vicina ai 14,8 milioni di euro.

La Commissione guidata da Lamberto Cardia ha rilevato che dalla documentazione acquisita agli atti emergano numerosi ed univoci elementi che confermano la grave e reiterata condotta irregolare posta in essere dal promotore finanziario che va dall’acquisizione della disponibilità di somme di pertinenza dei clienti, alla comunicazione e trasmissione agli investitori di informazioni o documenti non rispondenti al vero, fino al perfezionamento di operazioni non autorizzate dai clienti.

Secondo Consob tali violazioni perpetrate dal Opipari sono infatti comprovate, da un lato, dalla documentazione prodotta da Credit Suisse e, dall’altro, dalle dichiarazioni rilasciate dal medesimo promotore nel corso degli incontri tenutisi con i funzionari della stessa società d’intermediazione.

La Commissione ha ritenuto, inoltre, che tutti gli illeciti accertati sono stati posti in essere reiteratamente, in un arco temporale significativo ed hanno comportato la sottrazione di somme particolarmente ingenti (pari a circa 14,8 milioni di euro) a danno di una pluralità di clienti e non risulta che l’interessato abbia restituito, in tutto o in parte, quanto indebitamente acquisito.

Per questo Consob ha deciso di radiare e conseguentemente cancellare dall’albo unico il promotore nato a Milano il 15 febbraio del 1971, e residente a Trezzano sul Naviglio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X