Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

A
A
A

Oltre la classica denuncia di furto o smarrimento esiste un ulteriore metodo di cautela poco noto al pubblico.

Marco Muffato di Marco Muffato3 febbraio 2017 | 08:28

Domanda. Un mio cliente ha smarrito un intero carnet di assegni e ha fatto denuncia di smarrimento presentandola al mio istituto tramite me. Il cliente non è tranquillo perché sa che l’eventuale utilizzo illecito di uno o più titoli lo espone al rischio di essere protestato. Da imprenditore teme che la cosa possa compromettere i rapporti con il sistema creditizio in generale. C’è modo di cautelarsi in misura ancora maggiore?

G.C., Milano

 

Risposte. E’ vero, esiste infatti il protesto per gli assegni anche solo smarriti o sottratti e poi utilizzati da terzi. Per evitare di far ricadere sull’interessato delle colpe non proprie, il protesto viene elevato con un’apposita causale “Assegno denunciato smarrito o rubato” cui viene anche aggiuntoSportello Advisory se la firma appostavi è conforme, o come quasi sempre avviene non conforme, allo specimen depositato presso l’istituto di credito. Chi vede il protesto quindi vede anche la causale che non è certo quella di mancata provvista. Per prevenire tout-court il rischio di protesto esiste lo strumento del sequestro giudiziario disciplinato dall’articolo 670 del Codice di procedura civile che dispone come il giudice possa autorizzare il sequestro giudiziario:

1) di beni mobili o immobili, aziende o altre universalità di beni, quando ne è controversa la proprietà o il possesso (articoli del Codice civile 832, 1140), ed è opportuno provvedere alla loro custodia o alla loro gestione temporanea;

2) di libri, registri, documenti, modelli, campioni e di ogni altra cosa da cui si pretende desumere elementi di prova, quando è controverso il diritto alla esibizione o alla comunicazione, ed è opportuno provvedere alla loro custodia temporanea.

L’ottenimento del sequestro non è certo a priori, nell’istanza (che si può presentare anche in proprio senza avvalersi di un avvocato) bisogna dimostrare l’imminenza di un possibile reato o pericolo, ma in caso come quello indicato dal lettore di un intero libretto smarrito da un soggetto che svolge attività imprenditoriale non dovrebbero esserci ostacoli alla concessione del provvedimento.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Ti può anche interessare

Widiba, De Rose guiderà la rete nell’agro nocerino-sarnese

Coadiuvato dal district manager Enzo Bove, il manager proseguirà in un ambizioso piano di sviluppo ...

Crédit Agricole Vita lancia la strategia sui Pir assicurativi

Strategia PIR è la nuova polizza multiramo dedicata al canale retail, che investe principalmente in ...

Consulenti, perché occorre sempre più coraggio

Il cf oggi deve dimostrare forza d’animo. Un’analisi sul contributo che la psicologia può dare ...