Banche Usa, rimbalzo in attesa di un nuovo piano di salvataggio

A
A
A
di Biagio Campo 22 Gennaio 2009 | 10:40
Timothy Geithner, prossimo segretario del tesoro americano, ha confermato l’impegno del nuovo governo di ristabilire la fiducia nel settore bancario, tuttavia non ha fornito dettagli sul nuovo piano di salvataggio.Richard Parsons nuovo presidente di Citigroup.

Di fronte alla commissione Finanza del Senato, Timothy Geithner, prossimo segretario del tesoro americano, ha confermato l’impegno del nuovo governo nel sostenere la crescita economica e ristabilire la fiducia nel settore bancario.
Geithner non ha fornito dettagli sul nuovo piano di salvataggio che tuttavia dovrebbe prevedere una più stretta collaborazione con la [a]Fed[/a] e la [a]Federal Deposit Insurance[/a] (l’agenzia che garantisce i depositi bancari) e fondarsi sulla forza del dollaro, considerata come primo elemento per ristabilire la fiducia nel settore finanziario americano agli occhi del mondo. I capitali da reperire dovrebbero aggirarsi sui 3.000 miliardi di dollari, risulterebbe quindi fondamentale un sostegno da parte di investitori esteri, fondi sovrani fra tutti, che dopo le recenti perdite, hanno scelto una gestione più cauta.
 
I titoli bancari hanno quindi beneficiato di un fisiologico rimbalzo dopo le ultime disastrose sedute; [s]Bank of America[/s] (+30,9%), [s]Citigroup[/s] (+29%), [s]Jp Morgan[/s] (+25,1%), [s]Morgan Stanley[/s] (+28,7%), [s]State Street[/s] (+14,6%).

Per Bank of America è giunto ieri un segnale di fiducia da parte del management, che nella giornata di martedì ha complessivamente acquistato 513.000 azioni, per un controvalore che sfiora i 3 milioni di dollari, il solo Kenneth Lewis Ceo del gruppo, ha comprato 200.000 azioni.

Sul fronte Citigroup, Richard Parsons è stato nominato nuovo presidente.
Parsons, precedente Ceo di Time Warner dal 2002 al 2007, ha sostituito Win Bischoff, in carica dal dicembre 2007, subentrato a sua volta a Charles Prince.
Parsons, 60 anni, uomo vicino al nuovo presidente [p]Barack Obama[/p], era entrato in Citigroup già nel 1996 come consigliere, e dal luglio 2008 era a capo dei consiglieri indipendenti dell’istituto.
La notizia è stata data a mercati chiusi, la nomina sarà effettiva dal 23 febbraio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

NEWSLETTER
Iscriviti
X