Sondaggio Anasf, i promotori non sono sereni

A
A
A
di Redazione 27 Gennaio 2009 | 14:16
Un momento così delicato impone un ripensamento strutturale dei modelli economici e misure consistenti da parte dei governi per contrastare la crisi. Perlomeno è questo il parere della maggioranza dei promotori che hanno partecipato al sondaggio intitolato “Cosa ti aspetti da questi primi mesi del 2009?”.

Secondo la maggioranza (ben il 54,9%) dei partecipanti al sondaggio pubblicato sul sito Anasf, al quale è ancora possibile partecipare, la crisi economica e finanziaria dei mercati potrebbe non essere di breve durata e tale considerazione dovrebbe spingere stati e organismi internazionali ad esplorare nuove forme di intervento nell’economia, di breve, medio e lungo periodo.
 
In ogni caso come abbiamo visto i promotori dovrebbero essere accontentati visto che sulla scorta di tali considerazioni, il governo ha emanato il cosiddetto decreto-anticrisi, che si configura, ad un’analisi di prima battuta, come un intervento di natura congiunturale a sostegno non solo delle famiglie ma più in generale di tutta l’economia. Tuttavia i professionisti sembrano profetizzare uno scenario pessimistico visto che ben il 26,4% si attende “un peggioramento dello scenario macro e finanziario”.

Mentre abbiamo visto che circa 3 promotori su 10 riterngono che questo mercato ribassista non terminerà in un tripudio di ottimismo e buone notizie, il 18,7% dei partecipanti al sondaggio crede che si assisterà a un minore nervosismo su tutti i mercati azionari. Come si dice in questi casi: chi vivrà vedrà

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti