Etf – Africa e Medio-Oriente in un solo fondo!

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 4 Marzo 2009 | 08:40
Il nuovo strumento emesso da Invesco PowerShares è unico nel suo genere.E’ lunico a comprendere al suo interno, infatti, due grandi macroaree: l’Africa del Nord ed il Medio-Oriente.

Si consiglia l’inserimento del nuovo Etf emesso da Invesco PowerShares, ovvero PowerShares Middle East North Africa, all’interno dei propri portafogli, soprattutto se ampi e ben diversificati. Questo al fine di sfruttare l’alta volatilità dei rendimenti di questo strumento.

Tale Etf è presente a Piazza Affari solo dal 2 Febbraio ed è il primo a raggruppare due diverse macroaree, quella africana ed il Medio Oriente. Inoltre garantisce un TER dello 0,75% e distribuisce gli eventuali dividendi ogni tre mesi.

Racchiude le società più consistenti in termini di capitalizzazione di borsa e più liquide, quotate sui listini di Bahrein, Egitto, Giordania, Kuwait, Libano, Marocco, Emirati Arabi Uniti. A questo elenco potrebbero presto aggiungersi anche Arabia Saudita e Tunisia.
Ognuno di questi mercati è rappresentato dalle prime 8-10 aziende per capitalizzazione corretta per il flottante, con dei limiti precisi: ogni componente dell’indice non deve superare il 10% del totale e ogni Paese di quelli sopra elencati non deve oltrepassare il 20% del peso complessivo del paniere.

Data la brevissima vita del fondo, non è possibile parlare di performance se non facendo riferimento al sottostante: il NASDAQ OMX MENA Index evidenzia un risultato a 12 mesi di -46,96% (contro il -53,33% del MSCI Emerging Markets Index) e a 36 mesi di -14,59% (dati al 31/12/2008.).

Questo fondo è, infine, caratterizzato da un sottostante denominato in dollari, mentre viene negoziato in Euro sull’Etf Plus. In aggiunta a ciò, titoli che costituiscono l’indice di riferimento sono a loro volta quotati nelle varie divise locali. E’ per questi motivi che si consiglia di possedere un portafoglio già ben definito e collaudato, per evitare di ritrovarsi a fronteggiare un rischio di cambio molto elevato, oltre che una certa volatilità dei rendimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, il 17 giugno la decisione della Sec su Bitcoin ed Ethereum

Spread ancora in salita. Gli Etf per approfittarne a Piazza Affari

Etf, da Amundi otto nuovi Etf “responsabili”

NEWSLETTER
Iscriviti
X