Certificati – Opportunità protetta per UniCredit

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 16 Marzo 2009 | 09:40
In fase di collocamento un Coupon con barriera al 50% sull’Eurostoxx 50 ed un’Opportunità protetta con Cap al 65%.

Nella rubrica dedicata al mondo dei Certificati su Class CNBC di settimana scorsa, Paolo Dal Negro, retail networs sales di UniCredit MIB, ha spiegato caratteristiche e peculiarità dei due nuovi strumenti della Banca.

Si tratta di un Coupon Certificate, in collocamento attraverso la rete Fineco dal 17/02 al 18/03/2009,  e di un’ “Opportunità Protetta”, in collocamento dal 23/02 al 27/03/2009.

 Il Coupon Certificate (Isin DE000HV7LNA0) consente di investire sull’ [a]Eurostoxx 50[/a]. A partire dalla prima rilevazione di questo 30 Marzo, ogni anno verrà rilevato l’andamento dell’indice e, se questo non sarà inferiore del 50% rispetto alla prima quotazione, il certificato staccherà una cedola dell’8%.

Se, invece, alla prima rilevazione, per esempio, verrà infranta la barriera del 50%, semplicemente non verrà corrisposto il coupon per quell’anno, e bisognerà  attendere la successiva rilevazione, 12 mesi dopo.

Al quarto anno, cioè a scadenza, si avranno due scenari. Nel primo caso, se il prodotto non avrà perso più del 50% rispetto alla rilevazione del 30/03/09, allora rimborserà nominale e cedole (la massima situazione favorevole è quella di ricevere 4 cedole negli anni, più il rimborso del capitale a scadenza).

Nello scenario negativo, invece, se cioè il DJ Eurostoxx si è dimezzato di valore, allora il risparmiatore beneficerà della stessa performance sul rimborso del certificato.

Su una simulazione storica effettuata da Unicredit, su un campione di ben oltre 1.400 casi, l’81% delle volte questo strumento avrebbe rimborsato nominale e cedole.

Anche l’Opportunità protetta (Isin DE000HV77758), sempre al prezzo di 100 euro, prende una posizione a piccole quantità sull’andamento dell’Eurostoxx 50, per i prossimi 5 anni.

Se nel primo certificato di Unicredit si fissava un livello che a scadenza veniva confrontato con la data di emissione, in questo caso si fa riferimento alla data di scadenza del certificato. Inoltre, non ci sono cedole.

Infatti, ogni 6 mesi si effettua una rilevazione del livello dell’indice. A scadenza si effettuerà l’ultima rilevazione. In tal data, si andrà a verificare la media delle performance delle varie rilevazioni e, se questa sarà positiva, l’investitore riceverà nominale più la percentuale positiva della media, sino ad un massimo protetto del 65% (Cap).

In sostanza, se la media sarà del 24% per esempio, il risparmiatore otterrà nominale più un bonus del 24%. Se sarà del 120%, l’investitore otterrà il bonus tetto del 65%.

Nel caso sfavorevole di uno scenario negativo, tra cinque anni il sottoscrittore riceverà comunque il rimborso del capitale di 100 euro. Anche in questo caso, nella simulazione storica, nel 62,22% dei casi avremmo avuto una media positiva.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Eurostoxx 50, la Turchia pesa su UniCredit

Certificati – Express di HVB in partenza sull'Euro TLX

Certificati – Cinque nuovi Bonus Cap su indici per DB

NEWSLETTER
Iscriviti
X