Etc – In rialzo la domanda per il rame

A
A
A
di Fabio Coco 24 Marzo 2009 | 09:40
La domanda cinese potrebbe spingere al rialzo le quotazioni del rame, portando questo metallo ad un rialzo, anche superiore ai 4.400 dollari per tonnellata.

E’ dal luglio 2008 che non veniva superata la soglia di 3.670 dollari per tonnellata di rame.

Spinta dalla domanda degli hedge funds e dei Commodity trading advisors (Cta), sono in rialzo le quotazioni del rame, arrivate ieri a quota quasi 4.000 (3.955 precisamente sull’LME, con una variazione di -1,10%).

Ciò è dovuto sostanzialmente a due fattori: in primis alle aspettative rialziste degli speculatori, che puntano a portare il rame a quotazioni anche sopra i 4.400 dollari/tonn.; in secondo luogo, alle decisioni della Fed sull’acquisto dei Tresury bond americani per riavviare il motore dell’economia, fattore che ha contribuito all’indebolimento del dollaro, cosa che ha fatto temere per le riserve valutarie.

Si ricorda, infatti, che le materie prime sono sostanzialmente espresse in dollari, anche se non è detto che per questo debbano necessariamente reagire al tasso di cambio. Quello che accade, però, è che i commodity risentano soprattutto delle revisioni al ribasso del dollaro, fenomeno che rende le merci espresse in dollari meno care per gli altri Paesi, spingendoli ad acquistare a quotazioni inferiori, sostenendo così la domanda per questi beni. Ecco allora che sale il prezzo del rame.

Ancora una volta, come visto per altri articoli sulle materie prime, sarebbe l’industria cinese a sospingere le quotazioni. La mancanza lo scorso anno del 20-30% di rame (contenuto in rottame) per la propria produzione, essendosi dimezzata in pratica la disponibilità di rottame globale dall’anno scorso,  spingerebbe quest’anno la Cina ad acquistare grosse quantità di catodi, sfruttando le attuali basse quotazioni, al fine di rilanciare la propria industria. 
 
Sempre sull’LME (il London Metal Exchange), si segnala la variazione positiva del piombo (+1,51%) ed i livelli stabili di nichel (-0,3’%) e zinco (-0,32%).

Come Etc sui metalli industriali che contiene il rame, si individua l’Etfs Copper (Isin GB00B15KXQ89), in rialzo rispetto a ieri dell’1,39%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X