Certificati – 12 nuovi MINI Future per Abn Amro

A
A
A
di Fabio Coco 26 Marzo 2009 | 14:45
I nuovi certificati riguarderanno oro, petrolio ed altre materie prime, gli indici DAX, DJ Eurostoxx50 e Nikkei 225, il cambio Euro/Dollaro ed azioni italiane, ma anche estere.

Partiti ieri sul Sedex i 12 nuovi MINI Future Certificates Long emessi da ABN Amro.

Come si legge dal comunicato stampa della società, i  12 nuovi MINI Future Certificates Long sono ricollegati alle azioni Barclays, Banco Popolare e Saipem:

agli indici DAX, DJ Eurostoxx50 e Nikkei 225:

al petrolio Brent, oro, combustibile da riscaldamento e zucchero :

ed al rapporto di cambio Euro/Dollaro:

I MINI Future Certificates sono strumenti d’investimento che permettono di avvantaggiarsi della crescita (nella versione MINI Long) o della discesa (MINI Short) delle azioni, degli indici, delle materie prime, dei cambi e tassi di interesse, sfruttando l’effetto moltiplicatore della leva finanziaria. In sostanza, sono indicati per chi intendesse investire con effetto leva, sul rialzo di indici, materie prime, azioni italiane ed azioni estere.

Un MINI Long Certificate replica, infatti, una posizione di acquisto, mentre un MINI Short Certificate riproduce una posizione di vendita. Il prezzo è determinato dal valore del sottostante, senza essere influenzato dalla volatilità o dall’erosione temporale.

Grazie a un meccanismo di stop loss che li fa estinguere anticipatamente se il livello di stop loss viene raggiunto od oltrepassato dal livello del sottostante, nessun margine di garanzia è richiesto ed il rischio è, quindi, limitato al capitale inizialmente investito.

L’investimento minimo è pari a 10 Certificati.

La leva indicativa è aggiornata al 24.03.2009.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Abn Amro batte le attese, ma taglia ancora personale

Assiteca Sim e Abn Amro Life, stretta di mano nelle polizze

Bond: a Bce potrebbe servire più tempo per normalizzare politica monetaria

NEWSLETTER
Iscriviti
X