Certificati – Sal. Oppenheim cala il tris sulle blue chip europee

A
A
A
di Fabio Coco 11 Settembre 2009 | 09:20
La società emittente sbarca sul Sedex con tre diversi strumenti tutti riferiti al medesimo sottostante: l’indice DJ Eurostoxx 50. I tre certificati d’investimento si distinguono tra loro per la partecipazione ai rialzi del sottostante e per le modalità di protezione del capitale a scadenza.

In negoziazione a partire da oggi sul Sedex (segmento Investment Certificates classe B), i tre nuovi prodotti di Sal. Oppenheim, tutti sul medesimo sottostante ed emessi nella quantità di 70mila strumenti. Si tratta di un Outperformance Cap (DE000SAL5F86), di un Protect Outperformance (DE000SAL5F78) e di uno Step Up (DE000SAL5F94).

Il primo strumento presenta una scadenza triennale, scadendo il 31 agosto 2012. Emesso il 4 settembre, l’Outperformance Cap consente a scadenza all’investitore di partecipare alla performance positiva dell’indice di blue chip europee rispetto al valore di strike, pari a 2.699,22 punti, con una partecipazione Up del 150% (ossia moltiplica per 1,5 la prestazione dell’indice) ed un valore massimo di guadagno (Cap) del 175%. Il rischio, però, è rappresentato da una partecipazione down del 100%, ossia l’investitore è esposto in toto all’eventuale perdita di valore del sottostante.

Il Protect Outperformance, invece, presenta una scadenza più corta di un anno rispetto al precedente certificato. Alla maturity, se il livello dell’indice DJ Eurostoxx 50 sarà superiore a quello iniziale, l’investitore parteciperà interamente al rialzo del sottostante (partecipazione Up – e Down – del 100%). Nel caso in cui, al contrario, l’indice subisca una perdita di valore, ma senza mai infrangere durante la vita del certificato la barriera posta a 1.889,45 punti, l’investitore vedrà protetto l’investimento iniziale. Per perdite, quindi, maggiori al 30% del valore iniziale del DJ Eurostoxx 50, il risparmiatore parteciperà direttamente alla perdita di valore del sottostante.

Infine, lo Step Up certificate presenta scadenza il 31 agosto 2012 come il primo prodotto. A scadenza, il certificato rimborserà l’investimento iniziale più una cedola del 40% (Cap), se l’indice di blue chip europee quoterà almeno a 3.239,06 punti, ossia il 20% sopra il livello di strike. Se, invece, il sottostante quoterà sotto la prima soglia, ma sopra la seconda posta a 2.699,22 punti (lo strike), l’investitore beneficerà di un rimborso pari al 120% l’investimento iniziale. Qualora, poi, l’indice quoti sotto lo strike ma sopra la soglia posta a 2.024,42 punti, il sottoscrittore riceverà il 110%. Per perdite maggiori da parte dell’indice di blue chip europee, il risparmiatore parteciperà direttamente alla perdita di valore.

In sostanza, un certificato è stato emesso in ottica più conservativa (lo Step Up), un altro nell’ottica di una partecipazione con protezione (Protect Outperformance) ed uno si dimostra più speculativo (Outperformance Cap).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Vontobel otto Leva Fissa sugli indici di volatilità

Certificati, da Intesa SanPaolo 15 nuovi Premium Cash Collect

Certificati, da Societe Generale sei nuovi Cash Collect

NEWSLETTER
Iscriviti
X