ETF Invesco Powershares, strumenti passivi per una strategia qualitativa

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Novembre 2009 | 08:10
Invesco PowerShares offre dal 2007 agli investitori italiani ed europei un’ampia gamma di ETF basati sugli indici fondamentali, i FTSE RAFI, che coprono le principali aree geografiche.

Se doveste avventurarvi per un lungo viaggio, scegliereste un’automobile del 1957 o una superaccessoriata berlina del 2009? Preferireste vedere la finale di Champions League della vostra squadra del cuore con un televisore del 1957 oppure con un tv ad alta definizione di nuova generazione? Probabilmente, a parte gli appassionati delle auto d’epoca e, forse, qualche nostalgico, le risposte sarebbero scontate. Non è così, invece, nell’ambito dei benchmark dei principali mercati azionari. 

Forte dell’esperienza maturata sul mercato USA, Invesco PowerShares offre dal 2007 agli investitori italiani ed europei un’ampia gamma di ETF basati sugli indici fondamentali, i FTSE RAFI, che coprono le principali aree geografiche. Gli ETF a disposizione della clientela italiana hanno realizzato i risultati attesi, grazie ad una metodologia di indicizzazione testata nei vari cicli economici e passivamente replicata tramite ETF efficienti.
Due offrono esposizione ai mercati azionari europei, sia large cap (PowerShares FTSE RAFI Europe) che mid/small cap (PowerShares FTSE RAFI Developed Europe Mid-Small).

Altri due replicano la performance dei principali titoli azionari italiani (PowerShares FTSE RAFI Italy 30) e inglesi (PowerShares FTSE RAFI UK 100). Il mercato azionario americano è accessibile tramite il PowerShares FTSE RAFI US 1000 ed infine per chi, invece, desidera esporsi sui mercati azionari internazionali dei paesi sviluppati la soluzione offerta PowerShares FTSE RAFI Developed 1000

Di seguito la tabella con tutte le caratteristiche dei sei PowerShares FTSE RAFI.

TABELLA CON PROFILO TUTTA GAMMA PS FTSE RAFI

Gli ETF di Invesco PowerShares basati su indici fondamentali, i FTSE RAFI, rappresentano un’ottima opportunità alla luce del contesto economico che ci attende nei prossimi anni, un contesto dove sarà importante investire in aziende caratterizzate da ottimi fondamentali ovvero che abbiano preservato il loro bilancio, sviluppato il “core business” ed evitato operazioni finanziarie straordinarie.
Grazie ai progressi compiuti dalla tecnologia negli ultimi vent’anni, oggi si ha una conoscenza molto più approfondita dei mercati finanziari e si è  in grado di comprenderne meglio i meccanismi. Gli ETF PowerShares FTSE  RAFI replicano passivamente quegli indici che rispecchiano più fedelmente i mercati globali, poiché i titoli del paniere sono selezionati in maniera quantitativa.

In sostanza, gli ETF basati sugli indici fondamentali sono la versione moderna di quelli basati sulla capitalizzazione. Seguono un approccio volto ad assegnare a ogni società compresa nel paniere un peso che ne rispecchi il reale valore finanziario piuttosto che la capitalizzazione di mercato, evitando molti dei rischi associati agli indici tradizionali. Determinando la ponderazione in base ai fondamentali della societa’, gli ETF FTSE RAFI offrono potenziali di rendimento più elevati a fronte di minori rischi.

L’indicizzazione fondamentale rappresenta un passo in avanti rispetto a quella dei benchmark a capitalizzazione perché si avvale di metodi di ponderazione che integrano parametri fondamentali quali il fatturato, i flussi di cassa,, il patrimonio netto e i dividendi, capaci di rispecchiare più fedelmente il valore reale di una società.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Tabula, al via l’Etf che guarda agli accordi sul clima di Parigi

Etf, la pandemia non scalfisce la raccolta

Invesco, l’Etf degli Angeli Caduti è su Borsa Italiana

NEWSLETTER
Iscriviti
X