Crescita dei consumi in Asia Opportunità da non sottovalutare

A
A
A
di Francesco D'Arco 9 Marzo 2010 | 13:00
D’Acunti (Invesco): “L’aumento del benessere nell’area sta trainando i prodotti di fascia alta

L’Asia, in particolare la Cina, negli ultimi 20 anni ha raggiunto livelli impensabili sotto molto aspetti, considerando anche la significativa crescita economica e il rapido sviluppo del mercato dei capitali. Le enormi dimensioni del mercato, il continuo potenziale di sviluppo e la maggiore importanza a livello mondiale hanno attirato gli interessi di investitori da tutto il mondo. “Riteniamo – commenta Giuliano D’Acunti, director, responsabile della distribuzione retail di Invesco – che la Cina entrerà in una fase di transizione che potremmo definire ‘non troppo calda, non troppo fredda ma solo alla giusta temperatura’, ovvero uno scenario con crescita ed inflazione moderate. Sulla scia della ripresa sostenuta da politiche governative e da misure di sostegno all’economia stiamo già osservando gli effetti positivi nel settore industriale, energetico e finanziario (erogazione del credito)”.
L’Asia scoprirà presto le potenzialità di un mercato dei beni di consumo che si sta rapidamente svegliando. La composizione demografica dell’Asia e la sua crescita economica sono pronte ad avviare un ciclo di consumi che potrebbe superare tutte le precedenti aspettative.
La numerosità della popolazione, la forza lavoro in espansione, l’aumento del reddito disponibile, il cambiamento degli stili di vita e l’accumulo di ricchezze individuali hanno dato il via ad un’ondata senza precedenti.
La dinamicità dei consumi. L’Asia rappresenta il mercato che attesta il tasso di crescita più alto al mondo e ospita circa il 50% della popolazione mondiale.
La crescita della spesa reale per i consumi personali nell’ultimo decennio è stata più rapida che in altre aree geografiche e si tratta di una tendenza destinata a continuare. L’Asia è tuttora caratterizzata da una situazione di sottoconsumo e gli schemi di consumo di chi dispone di abbondante liquidità devono ancora adeguarsi alla crescente ricchezza.
Elevata crescita economica. Le economie asiatiche negli ultimi anni hanno dimostrato di poter sostenere una crescita del Pil significativa.
Un ruolo da protagonista è stato quello della Cina il cui contributo alla crescita globale è indubbio.
I consumatori asiatici sono i principali beneficiari di questa fase di sviluppo.
Aumentano i super ricchi. Secondo il World Wealth Report 2009 presentato da Merrill Lynch e Capgemini, la regione Asia-Pacifico sarà uno dei principali motori di crescita della ricchezza della popolazione di High Net-Worth Individuals (HNWI), su scala mondiale. Si prevede che la ricchezza degli HNWI della regione Asia-Pacifico avrà un tasso di crescita medio annuo dell’8,8% nel periodo 2008-2018, al di sopra della media globale prevista (7,1%). In particolare, la popolazione HNWI della Cina ha superato quella del Regno Unito nel 2008, attestandosi quarta nella classifica mondiale.
Secondo D’Acunti “l’impennata degli HNWI costituisce un importante fattore trainante per la crescita dei consumi nella regione Asia-Pacifico”.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trezzi in uscita da Invesco

Invesco chiama a raduno i consulenti finanziari

Salone del Risparmio 2018: intervista a Giuliano D’Acunti (Invesco)

NEWSLETTER
Iscriviti
X