La scelta giusta

A
A
A
di Redazione 26 Marzo 2010 | 12:45
Un anno fa Deutsche Bank interrompeva le emissioni di prodotti ad alta leva, preferendo gli investment certificates ai covered warrant.

Un anno fa Deutsche Bank interrompeva le emissioni di prodotti ad alta leva, preferendo gli investment certificates ai covered warrant. Una scelta lungimirante, a fronte delle continue incertezze dei mercati che gli esperti prevedono caratterizzati da forte volatilità anche per il 2010. Ne parliamo con Mauro Giangrande, (nella foto) responsabile sales & marketing X-markets Italy.

Per il 2010 gli analisti si aspettano un anno caratterizzato da crescita zoppicante e alta volatilità. In un contesto di questo tipo, quali sono i certificati più adatti per rispondere alle esigenze di investimento, ma anche di protezione, degli investitori?

L’attuale volatilità degli indici azionari condiziona le scelte d’investimento portando la maggior parte degli investitori a rimanere fuori dai mercati azionari, rinunciando a priori ad interessanti rendimenti come quelli che si sono realizzati nel 2009. I certificati possono costituire una valida alternativa in un contesto di mercati nervosi perché spesso offrono protezione unitamente alla possibilità di conseguire profitti in tempo breve. Un esempio è rappresentato dal Tris autocallable X-markets su mercati emergenti in collocamento presso Finanza&Futuro banca: questo certificato offre un coupon dell’8,5% ed un rimborso integrale del capitale già a partire dal primo anno di vita se tutti gli indici sottostanti, il Bovespa Euro (rappresentativo del mercato Brasiliano), il Kospi 200 (Corea del Sud) e l’Hang Seng China Enterprises saranno, il 3 marzo 2011, almeno al 90% del livello iniziale (rilevato il 3 marzo 2010). Se la condizione non dovesse essere soddisfatta il certificato andrà avanti ma con strike decrescenti nel tempo, 75% per il secondo e il terzo anno, e con coupon crescenti (rispettivamente 17 e 25,5%).

Al quarto anno (alla scadenza), qualora non si sia verificato il rimborso anticipato, sarà corrisposto all’investitore un minimo di 140 euro se nessuno degli indici avrà perso più del 50% rispetto al livello iniziale. In alternativa verrà corrisposto un importo proporzionale alla performance del sottostante che ha registrato l’andamento peggiore ed è questo l’unico caso in cui l’investitore incorrerebbe in perdite consistenti.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati: Vontobel nomina il nuovo responsabile per l’Italia

Certificati, da Vontobel una serie di Mini Future sui diritti di emissioni di carbonio

Certificati, da Cirdan Capital un prodotto sulle new entry del Dax

NEWSLETTER
Iscriviti
X