Il premio diventa europeo

A
A
A
di Redazione 9 Aprile 2010 | 09:45
I bonus americani cedono il posto a strumenti che fanno decadere la protezione solo…

di PierEmilio Gadda

Non c’è vera protezione senza garanzia del capitale. Non si devono quindi confondere gli “equity protection” con altri strumenti, come i certificati bonus, capaci di offrire un “premio” a scadenza – anche in presenza di uno scenario di stabilità o moderato ribasso – ma solo nell’ipotesi che il sottostante non raggiunga il livello “barriera”: in caso contrario, la protezione, infatti, viene meno, trasformando il certificato in un semplice benchmark. Prendiamo in considerazione il Bonus certificate su Eurostoxx oil & gas emesso da Bnp Paribas lo scorso 26 agosto e negoziabile su Borsa Italiana fino all’1 marzo 2011. 

Al momento dell’emissione, sono stati fissati due livelli: una barriera, collocata a quota 206,27 euro 
(-30%) ed un cap, a 324,14 euro (+10%). Se il prezzo del sottostante, attualmente posizionato sui 320,6 euro, non dovesse mai toccare la barriera durante la vita residua del certificato, questo verrà rimborsato a 110 euro, con un rendimento del 4,2% lordo rispetto ai valori correnti (105,6 euro). In caso contrario, al verificarsi dell’evento barriera, il certificato diventerebbe un benchmark, ma con un tetto massimo alla performance: in ogni caso, infatti, il certificato non verrà mai rimborsato a un prezzo superiore a 110 euro. 
Va detto che, durante la crisi, i prodotti con protezione del capitale “condizionata” non hanno dato buona prova di sé: “Nel primo trimestre del 2009, quasi il 70% di essi ha oltrepassato il floor”, racconta Grosset. 
“Risultato: gli investitori, si sono ritrovati improvvisamente tra le mani un investimento azionario con perdite già comprese tra il 30% e il 60%. Non dimentichiamo”, chiosa Bruno Fanan della Studio Analysis di Torino, “che molti di questi prodotti sono stati collocati dalle banche e dalle reti di vendita come se fossero obbligazioni capaci di garantire cedole più altre rispetto ai normali BTP o similari”. 
“Per chi non vuole rischiare nulla, il bonus non è lo strumento adatto. I nuovi prodotti, tuttavia, offrono una migliore protezione perché”, ribatte Grosset, “ai certificati di tipo “americano”, si stanno sostituendo quella di tipo europeo”: mentre nel primo caso, per far decadere la protezione, è sufficiente che la barriera venga toccata anche una sola volta durante la vita del certificato, per i secondi la rilevazione viene effettuata solo al momento della scadenza. 
Nel novero dei prodotti a protezione “condizionata” del capitale, si contano anche gli express certificates: a fronte di determinate condizioni, possono essere rimborsati in anticipo, in corrispondenza di “finestre temporali” predeterminate, riconoscendo un rendimento interessante anche a fronte di movimenti laterali del sottostante. 

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, sorpresa trimestrale per Netflix

Certificati, da SG sei nuovi Cash Collect Plus su valute emergenti

Certificati, IG: ecco il “termometro del trading” del 3° trimestre

NEWSLETTER
Iscriviti
X