Una crescita sana e continua

A
A
A
Avatar di Redazione 8 Settembre 2010 | 13:00
Bellingeri (iShares) manda un messaggio ai critici degli Etf, forte dei numeri dell’industria.

Sembrava una polemica ormai sepolta, ma nei mesi estivi è riemersa con forza e il mercato degli Etf ha assistito a un nuovo attacco frontale da parte di alcuni commentatori della carta stampata. “Sorta di fondi comuni quotati”, “strumenti dotati di una minore trasparenza e controllo rispetto ai cugini fondi”, “strumenti che non sempre replicano in modo fedele il sottostante” e via dicendo, richiamando alla memoria vecchie critiche che si pensavano ormai sopite. 

Ma questa volta, di fronte ad attacchi così diretti (e ingiustificati) l’industria degli Etf non vuole tacere e rispedisce al mittente ogni critica: «Gli Etf oggi vengono attaccatti in maniera inappropriata» chiosa Emanuele Bellingeri, responsabile per l’Italia di iShares, «stiamo parlando di fondi e sicav, di prodotti armonizzati Ucits, non capisco dove e come possano essere oggi additati come prodotti non trasparenti. Noi di iShares in questi ultimi anni abbiamo incrementato notevolmente il livello di trasparenza degli Etf quotati evitando il lancio di strumenti che potessero apparire troppo sofisticati» continua Bellingeri che non condivide questa nuova ondata di attacchi che sembra voler cancellare il lungo lavoro di education fatto dagli emittenti in questi anni. «Abbiamo puntato molto in questi anni sull’educazione finanziaria» ribadisce ancora Bellingeri «con l’obiettivo di creare una cultura di base che consentisse agli investitori un utilizzo corretto degli Etf. Ed è anche per questo motivo che abbiamo evitato la quotazione in Italia di prodotti che non fossero in grado di replicare fedelmente il sottostante».

Ciò non toglie che sul mercato non mancano Etf più complessi di quelli firmati iShares? «Sicuramente, ma anche gli altri emittenti presenti in Italia hanno rispettato importanti criteri di trasparenza. Personalmente considero questi attacchi delle polemiche inutili, discorsi astratti: i numeri e la realtà dei fatti smentiscono questo genere di critiche». Numeri che parlano di un’industria europea che in dieci anni ha sorpassato il più anziano mercato americano. E numeri che mostrano un’industria italiana che cresce senza conoscere sosta ormai da anni. «Continuiamo ad assistere ad una crescita sana degli Etf» conferma Bellingeri «in ogni circostanza e in qualunque condizione di mercato l’industria ha registrato un trend costante, senza scossoni né bolle speculative».

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bellingeri lascia iShares per Credit Suisse

Etf e fondi hedge vanno a braccetto

Consulenti, tutti i numeri della passione per gli Etf

NEWSLETTER
Iscriviti
X