Plain vanilla al comando

A
A
A
di Redazione 14 Settembre 2010 | 13:00
Ritmi estivi sul Sedex. Nel mese di luglio, le quotazioni di nuove emissioni sono scese a quota 170, rispetto alle 273 del mese precedente. Si tratta del secondo rallentamento consecutivo, dopo quello…

…registrato a giugno rispetto a maggio (quando le nuove emissioni erano pari a 367). L’estate, insomma, si fa sentire anche sul mercato dei certificati, che al pari di Borsa Italiana ha visto la propria attività assottigliarsi. Non a caso anche gli scambi sul segmento dedicato ai certificati registrano un’ulteriore contrazione, passando da 134.083 a 111.720 contratti negoziati, per un controvalore pari a 875 milioni di euro (dai 913,3 milioni di giugno). Dei 170 nuovi prodotti approdati al Sedex, la maggior parte è costituita dai covered warrant plain vanilla (140), seguiti da 30 investment certificates classe B. A fine mese risultavano quotati 3.524 strumenti, in crescita rispetto ai 3.402 del mese precedente. I cw plain vanilla la fanno, ancora una volta, da padrona: 1.908 i prodotti quotati per questa asset class, con 91.795 contratti scambiati nel mese di luglio per un controvalore di 705,4 milioni di euro. Gli investment certificates di classe B in circolazione sono 888, con 7.216 contratti scambiati a luglio per 116,8 milioni di euro. Seguono i leverage certificates di classe (429), con 11.416 pezzi negoziati per 42,1 milioni di euro. Sono 195 gli investment di classe A, per 1.065 scambi e 10,7 milioni di euro in controvalore. Chiudono la lista i covered warrant strutturati o esotici: 104 quelli quotati a fine mese, per 228 pezzi scambiati e 100.000 euro in controvalore. Da inizio anno, i contratti negoziati complessivamente, considerando cioè tutte le asset class, sono pari a 914.724, per un controvalore di 7,43 miliardi di euro. Di questi, ben 5,77 miliardi sono costituiti da cw plain vanilla, mentre 1,13 miliardi sono gli investment certificates di classe B. Per quanto riguarda il sottostante utilizzato, il mese di luglio ha visto un sorpasso sul tradizionale primato detenuto dalle azioni (o dagli indici) italiani da parte delle azioni estere, che hanno guidato le nuove emissioni con 54 prodotti lanciati. Seguono le azioni italiane (43 nuovi strumenti), gli indici esteri (29) e le materie prime, che con 23 nuovi strumenti confermano il buon trend di crescita.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da UniCredit un’emissione di oltre 100 Turbo

Certificati, Vontobel porta 7 nuovi Cash Collect sul Sedex

Bnl, metti in conto un nuovo albero

NEWSLETTER
Iscriviti
X