Certificati, da prodotti di nicchia a soluzioni di medio termine

A
A
A
Avatar di Redazione 18 Febbraio 2011 | 13:30
Dall’associazione Acepi tutti i numeri di un settore in crescita

di Rosaria Barrile

Già distribuiti sul mercato da circa dieci anni, i certificati stanno vivendo una seconda giovinezza. Lo dimostrano i dati raccolti nel consuntivo 2010 dalla Acepi, l’Associazione che riunisce alcuni tra i più prestigiosi istituti bancari attivi in questo mercato: RBS, Deutsche Bank, UniCredit, Société Générale, Macquarie, Banca IMI, BNP Paribas. I certificati si confermano tra i prodotti a maggior crescita del mercato finanziario italiano: a fronte di una riduzione del numero delle emissioni, che passa da 270 del 2009 ai 241 dello scorso anno, l’ammontare medio di ogni collocamento è salito a 16,7 milioni di euro contro i 10 milioni circa del 2009. Ad aver riscosso l’interesse maggiore sono stati in particolare i certificati a capitale condizionatamente protetto che hanno raggiunto il 63, 59% del valore delle sottoscrizioni, seguiti dagli strumenti a capitale protetto (33, 16%). I prodotti totalmente privi di una qualche forma di tutela rappresentano invece solo il 3,24%. Cifre che evidenziano il raggiungimento di un certo livello di maturità da parte del settore, un tempo considerato di nicchia e ad esclusivo appannaggio dei trader o dei private banker. Ma come si spiega questo tasso di crescita del prodotto che vede il collocato sul primario passare dai 2 miliardi del 2009 ai 4 miliardi di euro del 2010? “I certificati sono progressivamente entrati nel portafoglio del risparmiatore con un ottica di investimento di medio periodo, precisa Adele Bricchi (nella foto), segretario generale dell’Acepi. Per sostenere questa tendenza, come associazione, ci siamo impegnati a perseguire la trasparenza e la formazione. Per favorire una maggiore comprensione del prodotto abbiamo ripartito i certificati attualmente disponibili in quattro categorie principali: in questo modo, ogni emittente potrà mantenere il nome commerciale del proprio prodotto e quindi perseguire una strategia di marketing distintiva, fermo restando il mantenimento di alcune caratteristiche comuni, specifiche di ciascuna tipologia”. Tra le tendenze più interessanti emersi dai dati Acepi, vi è la propensione della clientela a privilegiare certificati a capitale condizionatamente protetto. “Questo spostamento nelle scelte della domanda, già in atto da alcuni anni, si è rivelato in modo evidente a partire dal primo trimestre 2010. L’investi-tore è oggi disposto a correre qualche rischio in più pur di avere una redditività superiore, una preferenza che sta ad indicare una maggiore dimestichezza con il prodotto stesso”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, Francia al timone di Acepi

Certificati, Acepi aggiorna la mappa del mercato

Associazioni, Acepi dice la sua sulla Tobin Tax

Ti può anche interessare

Exane Derivates, nuovi certificati “Low Strike”

Exane Derivatives lancia la nuova gamma di certificati “Crescendo Rendimento Memory Low Strike”, ...

ETF, Amundi raddoppia la raccolta nel 2019

Amundi ETF ha superato la soglia dei 50 miliardi di euro nel 2019 e ha chiuso l’anno con un pa ...

Etf, Invesco amplia la gamma dedicata alla sostenibilità

Invesco annuncia il lancio di Invesco S&P500 ESG UCITS ETF. Il nuovo ETF punta a replicare l’ ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X