Etf – Ossiam, la nuova proposta sul mercato

A
A
A

Ossiam, filiale di Natixis Global Asset Management, debutta in Borsa Italiana, venerdì 1 luglio, con quattro Etf innovativi su indici di strategie Minimum Variance e Equal Weight.

di Redazione29 giugno 2011 | 12:30
Ossiam Lux, Sicav lussemburghese armonizzata, gestita da Ossiam (sussidiaria di Natixis), sarà il prossimo primo luglio l’undicesimo emittente di Etf del Mercato Etfplus di Borsa Italiana.
Debutterà, infatti, con quattro Etf innovativi, lanciati per la prima volta in Europa lo scorso 27 giugno, sulla Borsa tedesca, correlati a indici di strategie Minimum Variance e Equal Weight.

Isin Etf
valuta
Ter
benchmark
LU0599613147 Ossiam Etf STOXX Europe 600 Equal Weight NR
Eur
0.35%
STOXX Europe 600 Equal Weight Index Net Return EUR
LU0599613063 Ossiam Etf Euro STOXX 50 Equal Weight NR
Eur
0.30%
Euro STOXX 50 Equal Weight Index Net Return EUR
LU0599612842 Ossiam Etf iSTOXX Europe Minimum Variance NR
Eur
0.65%
iSTOXX Europe Minimum Variance Index Net Return EUR
LU0599612685 Ossiam Etf US Minimum Variance NR
Eur
0.65%
Ossiam US Minimum Variance Index Net Return USD

I nuovi Etf hanno un costo totale annuo compreso tra lo 0,30% e lo 0,65% e capitalizzano i dividendi.
La replica dei benchmark è ottenuta tramite l’investimento in titoli (anche differenti da quelli dell’indice sottostante) e swap, dunque i nuovi fondi rientrano nella tipologia di Etf a replica sintetica “unfunded”.

I primi due fondi sono correlati alle versioni equipesate dei ben noti indici Euro Stoxx 50 e Stoxx Europe 600, che non seguono le regole di ponderazione basate sulla capitalizzazione di mercato (aggiustata sul flottante); ai relativi componenti, infatti, è assegnato un peso del 2% e 0,1667%, rispettivamente, rivisto su base trimestrale. Si ottiene, così, una maggiore diversificazione in termini di rischio specifico, e una differente esposizione sia geografica che settoriale.

L’iStoxx Europe Minimum Variance è un indice di strategia appena lanciato da Stoxx che si basa sul principio della moderna teoria di portafoglio del premio Nobel Markowitz. La metodologia, introdotta dal team quantitativo di Ricerca e Investimento di Ossiam, seleziona e pondera i componenti dell’indice, tra tutti quelli che compongono lo Stoxx Europe 600, sulla base della loro varianza e correlazione. Ogni mese, un algoritmo calcola la matrice di covarianza dei titoli più liquidi del benchmark esteso europeo, guardando ai dati storici più recenti, con particolare attenzione al livello di volatilità; la risultante è un paniere composto mediamente da circa 80 titoli. Nessun componente può, ad ogni modo, avere un peso superiore al 4,5% e nessun settore può pesare più del 20% della market cap totale dell’indice. Nella valorizzazione dell’indice sono ricompresi i costi mensili di ribilanciamento.

L’ultimo benchmark della serie è l’Ossiam Us Minimum Variance, un indice calcolato e diffuso da Standard & Poor’s, sviluppato sulla base dell’S&P 500, nello specifico sulle 250 blue chip statunitensi più liquide, selezionate e ponderate secondo il medesimo principio della Minimum Variance descritto sopra. Anche in questo caso vi sono dei limiti di ponderazione sia per i singoli titoli (5%) sia per i settori economici (20%), al fine di ottenere un sufficiente grado di diversificazione per l’investitore. L’Ossiam Us Minimum Variance index è calcolato nella versione Net Total Return (coi dividendi netti reinvestiti) in dollari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf, la tattica paga di meno

Etf, quando gli smart beta cambiano il benchmark

Etf a tutto investment grade con Ubs

Etf, raccolta in picchiata

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Etf, perché avranno successo tra i consulenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rivivi il webinar: Evoluzione dei mercati finanziari e nuovi modelli distributivi in Italia

Bnp Paribas Am, doppio ingaggio per gli Etf

Etf, gli smart beta piacciono un po’ di meno

Gli Etf sono un’arma di distruzione di massa?

WisdomTree e Etf Securities, affare fatto

Contenere la volatilità con gli ETF: missione possibile

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

La guerra dei fondi

Una nuova guida per Spdr

J.P. Morgan AM, cinquina di Etf a Piazza Affari

Etf, proposta obbligazionaria di Spdr

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Etf, 25 anni in ascesa

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

Tra attivo e passivo: gli ETF Smart Beta

Il futuro è già presente

Giangrande (Deutsche Bank): “Come puntare sulla Cina con gli Etf”

Experience The Future – Consulta la Guida

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Ti può anche interessare

Invesco PowerShares lancia due nuovi Etf

Gli Etf Source S&P 500 UCITS ETF e Source EURO STOXX 50 UCITS ETF sono disponibili sul mercato E ...

Franklin Templeton lancia cinque Etf smart beta

La gamma Franklin LibertyQ Smart Beta UCITS ETF è composta da cinque fondi quotati da oggi su Bors ...

46 corridor per SocGen

Indici, tassi e azioni, la proposta della società francese sul Sedex ...