Source, il 2012 sorride agli etf

A
A
A
di Redazione 27 Dicembre 2011 | 12:00
Secondo la società, gli investitori ricorreranno sempre più spesso a…

Contrariamente alle previsioni di alcuni esperti di mercato, nel 2011 gli etf europei si sono difesi bene, soprattutto in rapporto al resto dell’industria dei fondi Ucits. E’ quanto sostiene Source, specialista nella fornitura di exchange traded products per gli investitori europei, che ha presentato oggi il suo outlook per il 2012.

Alla fine di novembre, spiega la società, “gli etp, che includono etf ed etc, hanno registrato flussi in entrata per 19 miliardi di euro mentre secondo i dati Efama i fondi Ucits complessivamente considerati avevano registrato a fine ottobre flussi in uscita per 75,4 miliardi. Il patrimonio gestito dagli etp ha messo a segno un incremento del 10% rispetto a fine 2010. Se da un lato questo dato è inferiore alla media storica del 35%, dall’altro dimostra il persistere di un interesse crescente degli investitori verso gli etf rispetto ad altri strumenti di investimento”. 

A due anni e mezzo dal lancio, Source registra inoltre un livello consistente di nuovi investimenti. Secondo Deutsche Bank, dall’inizio dell’anno alla fine di novembre 2011 la società si è collocata infatti al terzo posto in termini di raccolta fondi. “La fonte principale di nuovi investimenti negli etf resta il Dax (11,6 dei 19 mld di euro raccolti, pari al 58% dei flussi). La maggior parte dei nuovi attivi di Source abbraccia una gamma variegata di prodotti che includono gli etc in oro fisico, Man Glg Europe plus Etf e i fondi a reddito fisso gestiti in collaborazione con Pimco.

Quanto al 2012, l’anno prossimo “la liquidità dei mercati è destinata ad assumere una rilevanza ancora maggiore per gli investitori. Lo scambio di etf sulle piazze finanziarie rappresenta attualmente il 5% dei volumi degli scambi azionari contrattati in Europa, rispetto al 25% negli Stati Uniti. Le incertezze che caratterizzano il mercato odierno possono evolvere in varie direzioni. Pare tuttavia evidente che gli investitori siano intenzionati a ricorrere sempre più spesso agli etf come ad uno degli strumenti chiave per l’implementazione della loro asset allocation”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X