L’Esma detta nuove linee guida sugli etf

A
A
A

Ecco, in sintesi, il documento di consultazione che contiene le novità per i replicanti e i fondi strutturati. In nome di una maggiore tutela per gli investitori

di Redazione31 luglio 2012 | 09:29

I PUNTI PRINCIPALI – Maggiori garanzie sul rimborso dei fondi e la stretta sul prestito dei titoli. Per gli investitori, inoltre, in materia di etf e fondi strutturati, sono previste anche una chiara definizione dell’etichettatura, più disponibilità e trasparenza delle informazioni sull’indice di riferimento. Questi, in sintesi, i punti salienti contenuti nelle linee guida su questo tipo di prodotti appena varate dall’Esma, l’autorità europea per i mercati finanziari a cui partecipa anche la Consob. Un documento che è stato elaborato (dopo una consultazione dei partecipanti al mercato) dall’operational working group guidato dal commissario della Consob Vittorio Conti. 

COSA CHIEDE L’ESMA AI GESTORI – L’Esma chiederà ai money manager di girare direttamente al fondol’intero ammontare delle performance generate dal prestito titoli, al netto dei costi. I proventi, dunque, non potranno essere più trattenuti dalle sgr ma dovranno essere passati agli aderenti al fondo. Gli aderenti agli etf, per esempio, dovranno ricevere il 100% del guadagno al netto dei costi.

OBIETTIVI LIQUIDITA’ E TRASPARENZA- Le linee guida prevedono “che siano assicurate agli investitori adeguate condizioni di rimborso anche in condizioni di scarsa liquidità del mercato secondario”. A seguire, come accennato sopra, dovrà essere assicurata agli investitori “una corretta informazione” sull’attività di prestito titoli eventualmente svolta dai fondi e sui rischi correlati: questa attività sarà inoltre assoggettata a regole più stringenti. Saranno adottati criteri definiti in relazione ai titoli che possono essere ricevuti in garanzia dal fondo e anche in materia di utilizzo di collateral.

UNO SGUARDO AGLI UCITS – Gli Ucits che investono in indici dovranno fornire agli investitori la metodologia di calcolo degli indici, mentre Esma raccomanda che i replicanti Ucits debbano utlizzare l’etichetta Ucits Etf in modo da essere facilmente identificabili dai risparmiatori. Ha fatto sapere Conti: “L’emanazione delle linee guida rappresenta un significativo progresso nella determinazione degli indirizzi di regolamentazione degli eft e dei fondi strutturati. Aumentano la tutela degli investitori e al contempo favoriscono la stabilità del mercato”.

PIU’ REGOLE  CONTRO LO SHADOW BANKING-  Il documento, si legge nel documento, “innalza il livello e la qualità dell’informazione messa a disposizione dai fondi agli investitori e introduce regole sul prestito titoli, fornendo un importante contributo al dibattito in corso a livello europeo sul fenomeno dello shadow banking”.

REPO E REVERSE REPO – Accanto alla pubblicazione delle linee guida è stato sottoposto alla consultazione degli operatori di mercato un documento sul trattamento degli accordi di repo (repurchase agreement) e di reverse repo adottati dai fondi. Il punto centrale è rappresentato dai limiti e dalle garanzie da usare per non creare problemi alla liquidità dei fondi. La consultazione durerà due mesi: sarà dunque aperta fino al 25 settembre.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Esma, un anno all’insegna di Mifid 2

Opzioni binarie, divieto di vendita al retail

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

Mario Nava al timone del Cema

Cfd, l’Esma ha fatto cilecca

La scure di Esma: bye bye opzioni binarie (per ora)

Esma orienta, Consob recepisce

Criptovalute, il warning della vigilanza europea sui rischi

Esma e securities market, un dibattito aperto

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

Esma, faro su derivati e criptovalute

Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

Esma, giro di vite su cfd e opzioni binarie

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Nafop all’Esma: valutazione di adeguatezza sì, ma sul portafoglio

Securities markets: chiamata congiunta da Consob, Esma e Bocconi

Valutazione dell’adeguatezza, Ascosim risponde a Esma

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Market abuse, i chiarimenti dell’Esma sui doveri dei consulenti

Definire il rischio è un po’ rischioso

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Esma e Mifid 2, guarda il videoconfronto tra consulenti e commercialisti

Regole Esma e Mifid 2, come vendere un fondo extra-europeo

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Esma e Mifid 2, i doveri delle reti e dei consulenti

Vendere certificati e prodotti strutturati: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Consigliare l’acquisto di un’azione: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Bufi (Anasf): “Esma, buon compromesso”

Vendere un fondo: ecco cosa cambia con le regole Esma

Consulenti e reti, la mazzata delle regole Esma

Ti può anche interessare

Bellingeri (iShares). “I nostri Etf a misura di portafoglio”

La view del managing director e responsabile per l’Italia di iShares: “Con la Mifid 2 più spaz ...

Analisi BlackRock: flussi record per gli Etp obbligazionari

I risultati del BlackRock Etp Landscape che illustra l’andamento globale del mercato degli Exchang ...

Charles Schwab, si allarga la piattaforma Etf OneSource

Aggiunti altri 12 Exchange traded funds alla sua piattaforma di Etf senza commissioni, Schwab ETF On ...