Certificati, settebello di speedy bonus per Rbs

A
A
A
Avatar di Redazione 9 Aprile 2013 | 10:43
La società ha emesso sette strumenti che hanno come sottostanti azioni italiane (Enel, Fiat, Generali, Intesa SanPaolo, UniCredit) e straniere (Nokia e Apple).

NUOVA EMISSIONE PER RBS – Debutteranno su Borsa Italiana domani, 10 aprile 2013, sette nuovi certificati speedy bonus emessi da Rbs, che hanno come sottostanti cinque azioni italiane – Enel, Fiat, Generali, Intesa SanPaolo, UniCredit – e due straniere, Nokia e Apple. “Fasi di mercato azionario depresso, come quello attuale, sono sempre accompagnate da alta volatilità dei corsi, creando interessanti opportunità d’investimento”, commentano gli esperti di Rbs: “l’esperienza passata dimostra che la strategia di vendita di volatilità degli speedy bonus, attuata in condizioni di volatilità alta e prezzi bassi, può portare buoni profitti nel medio termine”.

GLI SPEEDY BONUS – Gli speedy bonus, ricorda Rbs, sono particolarmente interessanti in uno scenario di alta volatilità anche in virtù dei bassi prezzi delle azioni sottostanti e dei relativi livelli di protezione, particolarmente penalizzate dalla debolezza del debito governativo europeo e dall’incertezza politica italiana. “La barriera di tipo europeo, ossia osservata solo a scadenza, fornisce maggiore tranquillità in quanto l’evento che annulla la protezione del capitale deve verificarsi solo ad una data precisa e diventa quindi meno probabile. La barriera è pari all’80% del valore dell’azione sottostante fissato il 21 marzo 2013, mentre le percentuali di bonus della nuova emissione sono comprese tra il 10% e il 20% dell’importo nominale”.

L’EMISSIONE NEL DETTAGLIO – Nel dettaglio, l’emissione su UniCredit rimborserà 115 euro a scadenza (il 14 marzo 2014) se il prezzo dell’azione sarà almeno pari a 2,912 euro (80% del prezzo di riferimento dell’azione al 21 marzo 2013), mentre l’emissione su Nokia rimborserà 120 euro a scadenza se l’azione sarà almeno pari a 2,109 euro. Allo stesso modo, lo strumento su Apple consentirà un guadagno dell’11% se al 14 marzo 2014 il prezzo dell’azione sarà almeno pari a 362,184 euro, mentre quello su Enel consentirà un guadagno del 10% se l’azione sarà almeno pari a 2,123 euro. Il guadagno sarà invece del 13% per l’emissione su Fiat a patto che l’azione superi a scadenza quota 3,474 euro; del 10% per quella su Generali (se l’azione toccherà i 10,16 euro) e del 13% per lo strumento su Intesa Sanpaolo (il prezzo deve raggiungere a scadenza 0,97 euro).

CARATTERISTICHE FINANZIARIE
– Per quanto riguarda le caratteristiche finanziarie, gli speedy bonus certificates rappresentano profili di rischio/rendimento che ben si adattano a fasi di mercato laterale, in quanto offrono un’esposizione ottimizzata al sottostante e consentono di trarre vantaggio oltre che da un andamento al rialzo, anche di un andamento stabile o limitatamente ribassista del sottostante, garantendo il pagamento di un “Bonus” a scadenza e la protezione del capitale purchè l’azione non perda più di un livello prefissato alla data di emissione (Barriera).

Scheda tecnica (fonte: Rbs)

10,16

Speedy Bonus su

Codice ISIN

Scadenza

Barriera

Bonus lordo

Apple

GB00B9D3V161

19.03.2014

362,184

11%

Enel

GB00B9D3V278

19.03.2014

2,123

10%

Fiat

GB00B9D3V385

19.03.2014

3,474

13%

Assicurazioni Generali

GB00B9D3V492

19.03.2014

10%

Intesa SanPaolo

GB00B9D3V500

19.03.2014

0,97

13%

Nokia

GB00B9D3V724

19.03.2014

2,109

20%

UniCredit

GB00B9D3V617

19.03.2014

2,912

15%

Tassazione al 20%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il wm sostiene i conti di Rbs

RBS sceglie LivePerson per migliorare il servizio clienti con gli “hybrid bots”

Rbs perde 6,5 miliardi di sterline, ma il titolo vola in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X