A Mosca il peggio sembra alle spalle

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 25 Giugno 2014 | 14:27
Il momento peggiore per il listino azionario di Mosca sembra alle spalle e Db X-trackers Msci Russia Capped torna a salire. Investire sui mercati emergenti resta però “a rischio”

RUSSIA, IL PEGGIO SEMBRA PASSATO PER ORA – Per molte settimane la tensione tra Ucraina e Russia ha pesato sul listino di Mosca. Ora però da qualche seduta la borsa russa sembra aver ritrovato la strada del rialzo, favorendo quegli strumenti indicizzati ad essa come Db X-trackers Msci Russia Capped, un Etf Ucitis in sterline gestito da Db X-Trackers Sicav che appunto consente di investire sul mercato azionario russo.

QUOTAZIONI IN RIPRESA A MOSCA – Ieri le quotazioni dell’Etf sono salite del 4,49%, riportando quasi in pari la variazione da inizio 2014 (tuttora negativa per uno 0,79%). Sui 12 mesi il risultato è già positivo (+11,31%), così come il raffronto a 5 anni (+52,44%), mentre resta negativa la performance relativa agli ultimi 3 anni (-12,61%), a riprova della volatilità di un investimento sui mercati azionari emergenti come quello ex-sovietico che ha visto il suo “anno d’oro” nel 2009, quando Db X-trackers Msci Russia Capped riuscì a chiudere l’anno in rialzo del 98,47% (per poi proseguire la sua corsa l’anno successivo con un ulteriore +28,05%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X