Marchioni (iShares): “Gli etf sono adatti alle strategie post-Brexit”

A
A
A
di Andrea Telara 28 Giugno 2016 | 07:53
Dopo l’esito del referendum britannico, iShares ha registrato un picco delle negoziazioni su alcuni exchange traded fund come quelli sull’oro e sul Ftse 100.

A CACCIA DI ETF – “Nel giorno di mercato più impegnativo dell’anno, gli investitori si sono rivolti agli Etf di iShares per accedere ai mercati”. Parola di Ursula Marchioni, chief strategist di iShares per l’area Emea, che ha commentato i dati sulle negoziazioni di exchange traded fund e di exchange traded commodities registrate dalla sua società. Il prodotto legato all’oro, che si chiama iShares Physical Gold Etc , nelle ultime sedute ha registrato volumi di negoziazioni pari a 14 volte la media giornaliera del mese di maggio. Stesso discorso per altri etf come quelli legati alla borsa britannica e statunitense che hanno visto impennarsi il loro volume di scambi. L’andamento di questi flussi, secondo Marchioni, testimonia la volontà degli investitori di usare gli etf nei momenti di volatilità dei mercati per attuare diverse strategie: sia difensive con l’oro, sia di riposizionamento sui mercati dopo i ribassi, utilizzando per esempio gli etf azionari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X