Societe Generale quota i nuovi Certificati StayUP e StayDOWN

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia23 maggio 2019 | 15:28

Societe Generale, banca leader nel mercato degli strumenti quotati e nell’innovazione di prodotto, ha deciso di ampliare la propria gamma portando su Borsa Italiana una nuova famiglia di certificati: i Certificati StayUP e StayDOWN, rivolti ad investitori evoluti e concepiti per prendere posizione in caso di andamenti non direzionali dei mercati e in scenari moderatamente crescenti o moderatamente decrescenti.

Disponibili a partire dal 21 maggio 2019 sul SeDeX di Borsa Italiana, i Certificati StayUP e StayDOWN di Societe Generale prevedono la possibilità di investire su uno specifico sottostante (che può essere un’azione, un indice, una commodity o un tasso di cambio) con l’aspettativa che, nell’arco di vita del prodotto, il valore di tale sottostante (con ciò intendendo qualsiasi prezzo infragiornaliero fatto registrare dal sottostante sul relativo mercato di quotazione, nel periodo compreso tra la data di emissione e la data di scadenza incluse) rimanga sempre al di sopra, nel caso degli StayUP, o al di sotto, per gli StayDOWN, di una Barriera prefissata. Nel caso ciò avvenga, a scadenza ciascun certificato StayUP o StayDOWN riconoscerà un valore predefinito pari a 10 euro. In caso contrario, la prima volta in cui il prezzo del sottostante tocca o sale al di sopra (StayUP), ovvero tocca o scende al di sotto (StayDOWN), della relativa Barriera, il prodotto termina anticipatamente senza corrispondere alcun importo, con conseguente perdita integrale del capitale investito.

I nuovi strumenti di SG negoziabili dal 21 maggio 2019 sono 61 e consentono di operare sui numerosi sottostanti: l’indice FTSE MIB, l’indice DAX, le blue chip italiane Assicurazioni Generali, Enel, Intesa Sanpaolo, Telecom Italia e Unicredit, su Oro, sul future sul petrolio WTI e sul tasso di cambio euro/dollaro.

Gli StayUP e StayDOWN hanno una scadenza di breve termine – settembre e dicembre 2019 – e possono essere negoziati in tempo reale sul SeDeX di Borsa Italiana grazie alla liquidità fornita da Societe Generale.

La caratteristica principale di un certificato StayUP e StayDOWN è di rimborsare a scadenza un importo fisso (10 euro) a condizione che, durante la vita del prodotto, il valore del Sottostante rimanga sempre al di sopra (StayUP) o al di sotto (StayDOWN) di una Barriera prefissata.

Gli StayUP e StayDOWN, dunque, presentano un profilo di rimborso che prevede due possibili scenari:

  • se durante tutta la vita del prodotto il valore del Sottostante non raggiunge o supera la Barriera, l’investitore riceve a scadenza 10 Euro per ogni certificato detenuto;
  • se, invece, la Barriera viene raggiunta o superata, il certificato si estingue immediatamente e anticipatamente senza corrispondere alcun importo e l’investitore perde tutto il capitale investito.

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Etp, a giugno raddoppiano i flussi

 E’ stato pubblicato l’ultimo BlackRock ETP Landscape Report che illustra i trend dei f ...

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Unicredit

Intervista a Christophe Grosset, specialista certificati di Unicredit ...

Consulente, la volatilità si gestisce anche a suon di etf

Sono sicuramente interessanti i risultati emersi dall’ultima edizione della ricerca europea su ...