Etf, quattro spunti dall’ultima settimana

A
A
A
Avatar di Redazione 18 Marzo 2020 | 11:12

In una settimana di continue turbolenze che hanno spinto i mercati in fase ribassista, gli investitori si sono orientati verso la negoziazione di exchange traded fund (ETF) per allocare capitale, adeguare le posizioni e gestire il rischio. Nonostante le difficoltà del mercato, la negoziazione degli ETF si è confermata ordinata e ha fornito agli investitori liquidità ed accesso efficiente al mercato in un contesto di maggior necessità. Ne consegue che gli ETF risultano strumenti concepiti per gestire queste fasi di mercato, come evidenzia l’analisi di seguito a cura di BlackRock.

  1. I volumi di scambi record evidenziano la liquidità nonostante la volatilità
  • In Europa, nella scorsa settimana i volumi degli scambi degli ETF hanno registrato il record di $ 120 miliardi, battendo i due record delle due settimane precedenti, con volumi pari a $ 110 miliardi nella settimana del 24 febbraio e $ 113 miliardi nella settimana del 2 marzo. Per fare un confronto, i volumi medi settimanali nel 2019 sono stati di poco superiori a $ 44 miliardi.
  • Nei giorni di picco, i volumi di negoziazione degli ETF europei hanno rappresentato circa il 30% dei volumi complessivi del mercato azionario, rispetto ad una media del 20% circa nei giorni più attivi del 2019. In diverse occasioni, l’iShares S&P 500 UCITS ETF (CSPX) è stato lo strumento più liquido sull’indice S&P500, scambiando oltre $ 500 milioni in un giorno, quando sia il mercato azionario americano e i futures azionari statunitensi sono stati sospesi.
  • Nei mercati obbligazionari, gli ETF a reddito fisso iShares UCITS hanno scambiato circa $ 16 miliardi per la terza settimana consecutiva, in crescita di oltre il 200% rispetto alla media settimanale nel 2019. I giorni di negoziazione più significativi hanno visto il turnover dell’iShares EUR Investment Grade Corp UCITS ETF (IEAC) raggiungere $ 1,2 miliardi il 6 marzo (6,6 volte il volume medio giornaliero registrato negli ultimi 12 mesi). Le negoziazioni dell’iShares EUR High Yield UCITS ETF (IHYG) hanno raggiunto $ 590 milioni il 13 marzo (5x ADV). Come nelle precedenti fasi di stress di mercato, gli investitori si sono rivolti agli ETF per ridurre rischio e ottenere prezzi scambiabili, mentre i mercati obbligazionari sottostanti erano compromessi.
  1. Gli “sconti” sugli ETF obbligazionari si traducono in prezzi in tempo reale
  • La trasparenza del trading degli ETF in borsa si è dimostrata preziosa per gli investitori attivi e altri operatori del mercato durante i periodi di stress, poiché gli ETF aiutano a stabilire prezzi in tempo reale quando le negoziazioni nel mercato sottostante sono compromesse. Ciò è risultato evidente la scorsa settimana, quando le obbligazioni hanno dovuto affrontare un deterioramento senza precedenti della liquidità e della qualità del mercato su scala mondiale.
  • Le interruzioni dei mercati del reddito fisso della scorsa settimana hanno portato a differenze tra i prezzi degli ETF obbligazionari e i valori delle loro obbligazioni costituenti. I cosiddetti “sconti” sui valori dell’attivo netto (NAV) possono verificarsi perché gli ETF obbligazionari tendono a negoziare più frequentemente rispetto alle singole obbligazioni, soprattutto in periodi di stress.
  • È importante notare che i recenti sconti sugli ETF obbligazionari non riflettono un problema relativo alla struttura stessa dell’ETF. Piuttosto, gli investitori dovrebbero considerare un ETF come uno strumento di price discovery dei prezzi di mercato poiché incorpora informazioni in tempo reale sulla qualità e l’accessibilità dei mercati sottostanti.
  1. Gli ETF non sono “venditori obbligati”
  • Le preoccupazioni sul fatto che gli ETF possano diventare venditori forzati in caso di elevati volumi di rimborsi sono infondate. I rimborsi sono stati ordinati e generalmente hanno rappresentato una frazione della negoziazione complessiva che ha avuto luogo nell’ETF, con negoziazioni significative nel mercato secondario delle quote dell’ETF.
  • Per gli ETF, il meccanismo di creazione / rimborso offre un’ulteriore opzione per eseguire i flussi sia in-kind (consegna fisica dei titoli sottostanti) che “in-cash. I rimborsi in-kind sono il metodo più comune con cui vengono effettuati i rimborsi,  ciò significa che quando un investitore desidera riscattare le azioni dell’ETF, l’ETF viene scambiato con un paniere di titoli invece che vendere i titoli per ottenere liquidità.
  1. Approfondimenti sul sentiment degli investitori
  • I flussi EMEA non mostrano ancora alcun segno di arresto: da quando è iniziato il sell-off del mercato, i flussi sono rimasti relativamente resilienti, soprattutto se paragonati ad un contesto di afflussi molto significativi dall’inizio del 4 ° trimestre 2019 fino a metà 1 ° trimestre 2020. In proporzione ai flussi in ingresso dal 1 ° ottobre al 21 febbraio, si sono registrati deflussi pari solo a un quarto sui mercati emergenti, solo il 6% sull’azionario europeo e il 4% sull’azionario statunitense,
  • Gli investitori statunitensi hanno mostrato una maggiore propensione all’acquisto on-dip questo mese, con la maggior parte dei nuovi flussi in ingresso verso gli ETP quotati negli Stati Uniti. Nell’area EMEA, la scorsa settimana gli investitori hanno venduto circa $ 3,9 miliardi di azionario e circa $ 2 miliardi di reddito fisso, preferendo invece aumentare l’esposizione sulle commodity. A livello globale, questa settimana gli ETP sull’oro hanno raccolto $ 1,6 miliardi ($ 1,2 miliardi dei quali sono stati investiti in fondi quotati EMEA), continuando il positivo trend di flussi sull’oro.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf dorati, pioggia di afflussi nel primo semestre

Credit Suisse AM, come cresce la gamma degli indicizzati

Etf, fuga di massa verso il reddito fisso

Etf, nuova proposta di Ubs sul Sol Levante

Pimco e Invesco, fine della partnership sulla distribuzione europea per gli etf

Etf, la nuova classe di SSGA

Etf, il Coronavirus travolge i flussi

Etf, ecco quelli che hanno reso il 633%

Coronavirus, Etf possono essere validi alleati

BlackRock, gli etf sono sempre più Esg

WisdomTree lancia un ETF per la crescita delle batterie elettriche

Mercati in crisi, gli etf resistono

Un nuovo Etf sulla cybersecurity

Lyxor, quota in Borsa nuova gamma di Etf obbligazionari

Etf, il 2020 inizia in positivo

ETF, Amundi raddoppia la raccolta nel 2019

LGIM amplia la gamma di ETF con la quotazione in Borsa

Etf, il fondo sulla cannabis legale arriva anche a Londra

Lyxor quota la versione euro hedged dell’ETF sull’indice MSCI World

Etf, i piccoli stanno soffocando

ETF di iShares, nuovo record nel 2019

Etf, quando la cannabis fa rima con investimento

Investire in Etf, tra rischi e opportunità

Etf, novembre in grande spolvero

Amundi, poker di nuovi Etf su Borsa Italiana

Etf: GSAM, debutto con tripletta in Italia

ETF, ad ottobre la raccolta sorride ancora

Etf, Ubs AM punta sui titoli di stato

Vanguard, sforbiciata alle commissioni sugli etf

Etf obbligazionari, gli investitori professionali ne vanno ghiotti

Etf, a settembre flussi per 70 miliardi

Etf, Ubs AM lancia un nuovo fondo sostenibile

Consulenza finanziaria: Etf, ecco perché non decollano secondo il Financial Times

Ti può anche interessare

Etf, novembre in grande spolvero

Vi proponiamo di seguito l’analisi di Lyxor sui flussi europei degli ETF relativa al mese di nove ...

Rize Etf, nuova nomina per l’Italia

Rize ETF, la prima società in Europa specializzata in ETF tematici, annuncia la nomina di Emanuela ...

Etf, tre nuovi partecipanti per HANetf

HANetf, piattaforma white label indipendente per ETF armonizzati UCITS, ha confermato una nuova tran ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X