Certificati, 21 nuovi Cash Collect per SocGen

A
A
A
di Redazione 14 Aprile 2020 | 11:20

Dal 9 aprile Societe Generale ha ampliato la gamma di Investment Certificate proponendo su EuroTLX ventuno nuovi certificati Cash Collect, che consentono di prendere posizione sui principali titoli azionari italiani e stranieri e sui principali indici azionari.

In particolare, i nuovi Cash Collect comprendono:

  • 14 nuovi Cash Collect su azioni italiane ed europee: Eni, Enel, Azimut, FCA, Unicredit, Banco BPM, Intesa Sanpaolo, Renault, Vallourec, BNP Paribas e Repsol;
  • 7 nuovi Cash Collect su indici azionari: FTSE MIB, Euro STOXX® Banks, Euro STOXX® Oil & Gas, Euro STOXX® Automobiles & Parts, DAX e CAC 40.

Questi certificati Cash Collect prevedono:

  • la possibilità di ottenere premi trimestrali condizionati lordi dall’1,25% al 5,10%, corrispondente ad un potenziale rendimento annuo lordo dal 5% al 20,40% se, alla relativa data di valutazione, il valore di chiusura[1] del sottostante risulta pari o superiore alla Barriera sul Premio (posta dal 60% al 85% dello Strike, a seconda del certificato). In tale caso, l’investitore riceve il premio del trimestre corrente nonché i premi condizionati non distribuiti nei trimestri precedenti nei quali non si era verificata la condizione di pagamento (Effetto Memoria). In caso contrario non viene distribuito alcun premio e si rinvia alla data di valutazione del premio successiva;
  • la possibilità di liquidazione anticipata su base trimestrale (a partire dalla seconda data di osservazione, ovvero a partire dal 5 ottobre 2020), con un importo di rimborso pari al 100% del valore nominale (100 Euro), se il valore di chiusura del sottostante risulta pari o superiore allo Strike. In caso contrario l’investimento prosegue;
  • qualora il certificato non sia stato liquidato anticipatamente, la protezione condizionata del valore nominale a scadenza, con un importo di rimborso pari al 100% del valore nominale (100 Euro), se il valore di chiusura del sottostante risulta pari o superiore alla Barriera sul Capitale (posta dal 60% all’85% dello Strike, a seconda del certificato). Altrimenti l’investitore riceve il Valore Nominale moltiplicato per la performance finale[2] del sottostante, con conseguente perdita sul capitale investito.

Questi prodotti hanno una durata massima di due anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Societe Generale sei nuovi Cash Collect

Certificati: Banca Cesare Ponti dà il via alla prima emissione

Certificati, fare trading sui green credit con i leva fissa di Societe Generale

NEWSLETTER
Iscriviti
X