Il Vietnam trascina l'Asia

A
A
A
Avatar di Andrea Zona 29 Maggio 2008 | 11:48
La seduta del 28 maggio si è chiusa positivamente per gli Etf che investono nei mercati emergenti dell’Asia. Male invece tutti gli Etf che investono in Giappone.
La seduta del 28 maggio si è chiusa positivamente per gli Etf che investono nei mercati emergenti dell’Asia. Il migliore Etf è stato il DB X-T. FTSE Vietnam (+5,87%).
 
L’ETF della casa tedesca Deutsche Bank ha una commissione di gestione annua dello 0,85% e investe nei titoli azionari più capitalizzati della borsa vietnamita.

A conferma del buon andamento dei mercati emergenti asiatici ottime performance anche per il Lyxor MSCI India (+2,25%), per il DB X-T. MSCI Korea (+1,66%), per il DB X-T. MSCI Emerging Market Asia (+1,66%), per il Lyxor ETF Hong Kong (+1,35%) e per il Lyxor ETF China Enterprise (+1,27%).

Giornata in rosso per tutti gli Etf che investono in Giappone e in energetici. Tra i peggiori di giornata compaiono infatti il Lyxor Etf FTSE Rafi Japan (-2,14%), l’iShares DJ STOXX 600 Oil & Gas Swap (-2,12%), l’iShares II S&P Global Clean Energy (-1,17%), il DB X-T. MSCI Japan (-0,96%).

 
Sul fronte degli Exchange Traded Commodities (ETC) rialzi per gli Etfs (Etf Securities) che investono nello zucchero.
La performance migliore è stata realizzata dall’Etfs Sugar (+2,66%). Bene anche l’Etfs Live Cattle (+0,65%), l’Etfs Petroleum Dj-aigci (+0,25%) e l’Etfs Natural Gas (+0,16%).

Male tutti gli altri con i metalli industriali e i metalli preziosi che realizzano le performance peggiori. L’Etfs peggiore è stato l’Etfs Forward Industrial Metals (-3,45%), seguito dall’Etfs Soybeans Oil (-3,30%), dall’Etfs Silver (-2,70%) e dall’Etfs Ph. Platinum (-2,15%).

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Palladio a passo dal top storico. Gli Etc a Piazza Affari

Petrolio in trading range dopo il meeting dell’Opec. I target tecnici e gli Etc a Milano

Mercati, oro in ripresa dopo la formazione di un doppio minimo

NEWSLETTER
Iscriviti
X