Etf, da Ubs AM un prodotto con criteri Esg rigorosi sull’S&P 500

A
A
A
di Redazione 24 Marzo 2021 | 10:03

UBS Asset Management ha lanciato su Borsa Italiana il primo ETF al mondo che applica rigorosi criteri ESG all’universo azionario S&P 500. L’UBS ETF S&P 500 ESG Elite UCITS ETF è destinato agli investitori alla ricerca di un’esposizione alle large cap statunitensi con un forte profilo di sostenibilità.

L’ETF replica l’indice S&P 500 ESG Elite, composto dalle società con i migliori punteggi ESG, che rappresentano complessivamente circa il 25% della capitalizzazione di mercato dell’universo S&P 500. La metodologia dell’indice esclude anche le società coinvolte in settori come: tabacco, alcol, OGM, gioco d’azzardo, intrattenimento per adulti, armi controverse e militari, armi leggere, prestiti predatori, energia nucleare, combustibili fossili e società con violazioni del Global Compact delle Nazioni Unite e con varie controversie. Questa serie di esclusioni è tra le più complete del mercato e rappresenta una best-practice nell’ambito dei fondi sostenibili, con il conseguente allineamento dell’ETF all’articolo 8 del Regolamento SFDR dell’UE.

Il portafoglio S&P 500 ESG Elite raggiunge un sostanziale miglioramento ESG, con una riduzione del 40% dell’impronta di anidride carbonica rispetto al suo indice di riferimento e un miglioramento del 57% nel punteggio complessivo S&P DJI ESG. I criteri di selezione di sostenibilità sono più severi e vanno oltre le esclusioni ESG standard, le linee guida suggerite dai regolatori europei e dalle organizzazioni professionali, come Febelfin.

Francesco Branda, Head of Passive & ETF Specialist Sales Italy, UBS Asset Management, ha dichiarato: “La quotazione dell’UBS S&P 500 ESG Elite ETF sostanzia una volta di più il nostro ruolo di innovatori nell’universo della sostenibilità e la nostra capacità di andare incontro alle molteplici esigenze delle diverse categorie di investitori interessati all’ESG. Attraverso il nuovo strumento, questi ultimi potranno approfondire ulteriormente il loro approccio sostenibile, generando un maggiore impatto per il tramite dei propri investimenti. Questo lancio rappresenta, inoltre, un passo ancora più importante alla luce della recentissima entrata in vigore del Regolamento SFDR, Sustainable Finance Disclosure Regulation, un’innovazione normativa decisiva per rendere l’attenzione alla sostenibilità strutturale”.

Reid Steadman, Global Head of ESG Indices di S&P Dow Jones Indices, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di continuare a lavorare con UBS Asset Management per espandere l’universo degli indici S&P 500 ESG. Attraverso i nostri indici innovativi, gli investitori potranno accedere a investimenti che aiutano a costruire un futuro sostenibile e a soddisfare le aspettative di un mercato in evoluzione”.

L’UBS S&P 500 ESG Elite ETF è disponibile nella share class in dollari e in share class con copertura valutaria (CHF, EUR e GBP). La quotazione è avvenuta sulle principali borse europee, tra cui, oltre a Borsa Italiana, London Stock Exchange, Xetra e SIX Swiss Exchange.

Questo nuovo ETF rappresenta un passo naturale visto l’impegno di UBS AM per la sostenibilità. A febbraio 2019, la società ha lanciato il primo fondo ESG basato sull’universo S&P 500. L’S&P 500 ESG ETF applica criteri meno rigorosi ed è destinato agli investitori il cui obiettivo è una replica più fedele delle 500 maggiori società quotate negli Stati Uniti. Quel fondo pionieristico ha ricevuto un’ottima accoglienza da parte degli investitori e ha raccolto finora 1,4 miliardi di dollari di masse.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, attenzione: le obbligazioni Esg non sono tutte uguali

Top 10 Bluerating: Dws leader negli Esg

Investimenti, il seme della sostenibilità

NEWSLETTER
Iscriviti
X