Certificati, ritorna la propensione al rischio

A
A
A
di Redazione 4 Maggio 2021 | 12:23

L’Acepi (acronimo di Associazione Italiana Certificati e Prodotti di Investimento) ha annunciato i risultati del primo trimestre relativi al collocamento dei certificati di investimento da parte degli emittenti associati. Dall’analisi del mercato primario nel primo trimestre 2021 emerge che:

  • I volumi complessivi di 2.271 milioni di euro collocati dagli emittenti ACEPI risultano superiori del 12% rispetto al quarto trimestre dell’anno e in linea con la media degli ultimi due trimestri 2020. Il dato evidenzia un parziale recupero del comparto, dopo il rallentamento che ha caratterizzato la seconda metà del 2020.
  • L’avversione al rischio degli investitori osservata nel secondo trimestre del 2020 (75% dei prodotti a capitale protetto rispetto al 25% dei prodotti a capitale condizionato) è stata seguita da un aumento della propensione al rischio a partire dal Q3 (63% contro il 36%), segnando un minimo relativo nell’ultimo trimestre dello scorso anno (48% vs 51%). Ora, nel primo trimestre 2021, questa tendenza ha subito un’inversione, l’avversione al rischio si sta riducendo, dal momento che i volumi collocati dei prodotti a capitale condizionatamente protetto risultano quasi doppi rispetto a quelli a capitale protetto (64% vs 33%).
  • Per quanto riguarda i payoff, i Digital (59%) sono stati preferiti agli Equity Protection (30%) nei certificati a capitale protetto, e i Cash Collect e i Bonus (rispettivamente 52% e 29%) sono stati i prodotti maggiormente emessi, seguiti dagli Express (19%), invertendo così il trend osservabile nell’ultimo trimestre del 2020, con i Cash Collect e gli Express rispettivamente al 39% e al 38%, seguiti dai Bonus Cap al 22%.

Più in generale, l’andamento del mercato azionario ad inizio pandemia, soprattutto nei mesi marzo e aprile 2020, ha avuto due effetti principali:
  1. Stimolare i volumi di mercato secondario, principalmente di strumenti a leva, sia con finalità di hedging di portafoglio sia speculativa ribassista
  2. Far toccare molte barriere di certificato d’investimento, con conseguente diminuzione di reattività di questi prodotti e relativo ingessamento dei portafogli (minori eventi di autocallability e minore switch sul secondario). Questo ha avuto anche l’effetto sul mercato primario, diminuendo la propensione al rischio degli investitori che hanno quindi preferito strumenti a capitale protetto rispetto a quelli a capitale condizionatamente protetto (per un confronto si vedano i dati del secondo e terzo trimestre).

Successivamente il mercato è rimbalzato (da giugno 2020 ad oggi), i tassi sono scesi ulteriormente in territorio negativo, avendo un duplice effetto:

  1. Sul secondario i volumi si sono stabilizzati su valori normali e tendenzialmente in discesa per mancanza di volatilità e spunti (visibile sopratutto da inizio anno)
  2. Sul primario i prodotti protetti hanno allungato molto le scadenze, per via del costo della protezione con gli attuali rendimenti negativi; pertanto si è tornato a prediligere i capitali condizionatamente protetti. Da qui il proliferare di strutture worst of con conseguente aumento del rischio per gli investitori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

A ITForum certificati sotto la lente di Acepi

Certificati, ecco l’analisi del mercato di Acepi nel terzo trimestre

ITForum, Acepi: “Certificati tra opportunità e sfide”

NEWSLETTER
Iscriviti
X