Etf: Male i settoriali, si sveglia lo zucchero.

A
A
A
di Andrea Zona 2 Luglio 2008 | 11:00
Giornata di vendite per le principali piazze europee e per i mercati emergenti che chiudono sui minimi dell’anno. A trarre beneficio sono soprattutto gli Etf che speculano al ribasso sul mercato, con particolare enfasi sui bancari. Tra le materie prime, volano zucchero e oro.

La seduta del 1 luglio si è chiusa positivamente per gli Etf che shortano gli indici settoriali e per gli obbligazionari.

Il migliore Etf è stato il DB X-T. DJ Stoxx 600 Banks Short (+2,24%). L’ETF della casa tedesca Deutsche Bank ha una commissione di gestione annua dello 0,40% e shorta i titoli a maggiore capitalizzazione del settore bancario.

Buone performance anche per il DB X-T. DJ Stoxx 600 Oil & Gas Short (+2,01%), per il DB X-T. DJ Stoxx 600 Health Care Short (+1,82%) e per il DB X-T. DJ Euro Stoxx 50 Short Index (+1,26%).

Performance positive anche per gli obbligazionari con il Lyxor Etf EuroMTS 10-15Y (+0,71%), il Lyxor Etf EuroMTS 7-10Y (+0,66%) e con il Db-XT2. IBOXX Gl. Inflation Linked TRN Index (+0,5%).

Giornata in rosso per tutti gli altri Etf. Tra i peggiori, gli Etf che investono nei mercati emergenti con l’iShares MSCI Turkey (-6,74%), seguito dal Lyxor MSCI India (-4,11%), dal Lyxor MSCI Taiwan (-3,59%) e dal dal Lyxor MSCI Korea (-2,92%).

Sul fronte degli Exchange Traded Commodities (ETC) rialzi per gli Etfs (Etf Securities) che investono in zucchero e metalli preziosi.

La performance migliore è stata realizzata dall’Etfs Sugar (+8,77%). Lo zucchero si sveglia finalmente dopo i dati dall’Unica, una delle associazioni dei produttori brasiliani. Quest’anno, la produzione dello zucchero è calata del 14% nella principale zona brasiliana, perché molti produttori hanno scelto di trasformare lo zucchero in etanolo. Circa il 62% del raccolto è stato trasformato in etanolo rispetto al 57% un anno fa.

Nuovi massimi per la soia, con l’Etf Soybeans (+2,35%) in reazione ai dati pubblicati dall’USDA secondo cui le scorte di fine stagione saranno pari a 175 bushel pari al consumo di 21 giorni.

Tra i metalli preziosi molto bene anche il Lyxor Gold Bullion (+1,81%) dopo l´aumento delle tensioni nel medio oriente, dove si parla di un possibile attacco all’Iran da parte di Israele. Bisognerà vedere se una eventuale ripresa per il dollaro USA limiterà il rialzo per il metallo giallo.

Male i cereali con il frumento (-1,43%) che sconta una produzione stimata tra le maggiori negli ultimi anni, più elevata rispetto alle attese di mercato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti