Certificati, a maggio investitori retail ribassisti sulla sterlina

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 8 Giugno 2021 | 13:32

Spectrum Markets, il mercato pan-europeo dei certificati, ha pubblicato i dati relativi al SERIXTM, l’indice sul sentiment degli investitori individuali europei, per il mese di maggio. I dati hanno evidenziato alcuni trend interessanti, tra cui un sentiment ribassista sulla sterlina, così come sugli indici di Italia e Spagna.

Il sentiment sulla sterlina lo scorso mese è diventato fortemente negativo nei confronti di Yen giapponese e dollaro statunitense, con un valore SERIXTM di 91, in calo rispettivamente dai livelli 104 e 99 di aprile. Il SERIXTM ha rivelato inoltre il proseguo di un sentiment rialzista sull’euro nei confronti della sterlina, con la coppia valutaria EUR/GBP confermatasi a 107 (108 in aprile).

Il sentiment verso gli indici del Nord Europa è rimasto sostanzialmente stabile nel mese di maggio, mentre gli investitori individuali si sono mostrati meno positivi su Italia e Spagna, con il sentiment su Ftse Mib e Ibex sceso a 98, in territorio ribassista (rispettivamente 106 e 107 le rilevazioni di aprile).

“Con la sterlina britannica che ha registrato un mese solido contro yen e dollaro, in particolare durante la seconda metà di maggio, il sentiment ribassista rilevato dal SERIXTM sui sottostanti GBP/USD e GBP/JPY suggerisce che gli investitori individuali europei avevano un’aspettativa limitata di ulteriori rialzi e hanno cercato di capitalizzare sui movimenti di prezzo al ribasso nel breve termine”, osserva Michael Hall, Head of Business Development di Spectrum Markets.

Durante il mese di maggio, su Spectrum sono stati scambiati 63,8 milioni di certificati, con il 35,5% degli scambi avvenuti al di fuori dell’orario tradizionale (cioè tra le 17:30 e le 9:00). L’85,7% dei volumi hanno riguardato strumenti sugli indici, l’8,9% strumenti su coppie di valute e il 5,4% quelli sulle materie prime. I tre principali sottostanti scambiati sono stati: OMX 30 (32,5%), DAX (20%) e S&P 500 (12,5%).

Esaminando i tre sottostanti più popolari, in maggio i dati del SERIXTM per l’OMX 30 sono saliti da 94 a 97, mentre il DAX è sceso in territorio ribassista passando da 101 a 99. L’S&P 500 è rimasto in zona ribassista con 99, ma questo ha segnato un salto significativo dal 90 in aprile.

Calcolo dei dati SERIXTM

Lo Spectrum European Retail Investor Index (SERIXTM) utilizza i dati di trading paneuropei della borsa per far luce sul sentiment degli investitori nei confronti degli attuali sviluppi dei mercati finanziari.

L’indice viene calcolato sottraendo la proporzione di operazioni ribassiste (bearish) dalla proporzione di operazioni rialziste (bullish), per ottenere una singola cifra (normalizzata su base 100) che indica la forza e la direzione del sentiment:

SERIXTM = (% operazioni bullish – % operazioni bearish) + 100.

Le operazioni di acquisto di strumenti long (che si apprezzano con un rialzo dei mercati) e quelle in cui vengono ceduti strumenti short (che si apprezzano con dei ribassi dei mercati) sono entrambe considerate operazioni rialziste, mentre la vendita di strumenti long e l’acquisto di strumenti short sono considerati operazioni ribassiste. (Per una metodologia dettagliata ed esempi, visita questo link.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, IG: ecco il “termometro del trading” del 3° trimestre

Certificati, da Cirdan Capital sei nuovi Tracker Delta One

Certificati e distribuzione, Consob chiarisce i dubbi

NEWSLETTER
Iscriviti
X