Etf: Europa trascinata giù da banche e automobili

A
A
A
di Andrea Zona 9 Luglio 2008 | 09:56
Giornata negativa per le principali piazze europee, trascinate in basso dall’andamento del settore bancario. Tra gli Etf particolarmente negativo l’andamento degli Etf che investono in settoriali e nei paesi emergenti. Anche le commodities, sempre in positivo in questo periodo, iniziano a scendere, con gli agricoli in particolare difficoltà.

La seduta dell’8 luglio si è chiusa positivamente per gli Etf che shortano gli indici settoriali e che investono in obbligazionari.

Il migliore Etf è stato il DB X-T. DJ Stoxx 600 Banks Short (+2,12%). L’ETF della casa tedesca Deutsche Bank ha una commissione di gestione annua dello 0,50% e shorta titoli del settore bancario.

Buone performance anche per tutti gli altri short con il DB X-T. DJ Stoxx 600 Oil & Gas Short (+1,67%), con il DB X-T. DJ Stoxx 600 Technology Short (1,5%) e con il DB X-T. DJ Euro Stoxx 50 Short Index.

Performance positive anche per gli Etf che investono in obbligazionari con il Db-XT.2 IBOXX € Sover. Euroz. 15+ TRN Index (+0,8%), con il Db-XT.2 IBOXX Euro Inflation-Linked TRN Index (+0,76%) e con il J.P. Morgan ETF GBI EMU 7-10Y (+0,61%).

Giornata in rosso per gli Etf settoriali e i paesi emergenti. La performance peggiore è stata realizzata dal Lyxor ETF DJ Stoxx 600 Travel&Leisure (-7,76%), seguito dal Lyxor ETF MSCI Em. Mkt Latin Amer. (-4,66%), dall’iShares MSCI Brazil (-4,21%) e dall’iShares II FTSE Bric 50 (-3,73%).

Sul fronte degli Exchange Traded Commodities (ETC), giornata difficile per tutti gli Etfs (Etf Securities). Le performance migliori sono state realizzate dal bestiame con l’Etfs Lean Hogs (+0,97%) seguito dall’Etfs Live Cattle (+0,54%) e dall’Etfs Sugar (-0,43%). Male tutti gli altri con metalli industriali e energetici in particolare difficoltà.

Forte calo per il petrolio ieri e la curva delle scadenze continua a sviluppare il contango per i primi mesi. Ci sono quasi $3 di differenza tra la scadenza a pronti e quella più alta (aprile 2009). Le tensioni sono in aumento a livello mondiale però, con l’Iran che minaccia di bloccare lo stretto di Hormuz qualora venisse attaccato dagli USA o da Israele.

Tra i metalli preziosi si salva solo l’Etfs Silver (+0,23%) con l’oro in calo dopo le indicazioni da parte di Ben Shalom Bernanke che la Fed potrebbe estendere le misure d´emergenza per i prestiti verso le grandi banche di Wall Street dopo la loro scadenza di fine anno.

L’argento è stato in controtendenza rispetto agli altri metalli preziosi, mostrando una sua forza di fondo basato sulle sue prospettive fondamentali.

Il platino cala dai massimi storici, a causa dell’apparente calo della domanda nel mercato occidentale. Le vendite di nuove auto (il settore che consuma la maggior parte del platino prodotto) sono in calo sia in Giappone che in Europa.

Male gli agricoli con l’Etfs Soybeans (-4,38%), con l’Etfs Corn (-4,27%) e con l’Etfs Wheat (-2,25%), nonostante i ritardi nel raccolto del frumento lasciandolo vulnerabile alle piogge.

Forte calo per la soia di nuovo ieri con i timori per una liquidazione generale per i mercati delle commodity. Il Brasile ha confermato le sue stime per un raccolto di 59,8 milioni di tonnellate per la stagione in corso, facendo pensare che la corsa recente sia stata un poco esagerata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti