Certificati, investitori retail rialzisti su Euro/Sterlina e petrolio Wti

A
A
A
di Redazione 11 Agosto 2021 | 10:02

Spectrum Markets, il mercato paneuropeo dei certificati, ha pubblicato i dati del SERIXTM, il sentiment degli investitori individuali europei, che in luglio hanno evidenziato un’attitudine fortemente rialzista verso il cambio euro/sterlina, così come sul WTI.

Il sentiment sulla coppia valutaria euro/sterlina è balzato a un nuovo record di 119 il mese scorso, riprendendo un trend di rialzo del sentiment iniziato a giugno dello scorso anno, quando il valore del SERIXTM era di 78. Ciò è coinciso con il primo meeting della Banca centrale europea successivo all’annuncio del nuovo e più tollerante target di inflazione intorno al 2%.

“Abbiamo osservato un netto miglioramento del sentiment verso la coppia valutaria euro-sterlina a partire dalla scorsa estate”, osserva Michael Hall, Head of Business Development di Spectrum Markets. “Non sorprende, poi, che la riunione della Bce del 22 luglio scorso abbia attirato molto interesse da parte del mercato, tanto che abbiamo riscontrato un grande aumento dei volumi di trading quel giorno da parte degli investitori individuali sul nostra borsa”.

A toccare i massimi anche il sentiment mensile degli investitori individuali verso il WTI, con un valore SERIXTM di 105, in aumento rispetto al 96 ribassista del mese precedente. I dati di luglio hanno eguagliato il precedente massimo sentimento rialzista per il WTI, fatto segnare nell’ottobre 2019, che è anche la data di riferimento a partire dalla quale vengono calcolati i dati del SERIXTM.

“Mentre a luglio i membri dell’Opec+ hanno siglato un nuovo accordo per aumentare la produzione di petrolio a partire da agosto, il balzo nel sentiment suggerisce come gli investitori individuali credano che altri 400.000 barili al giorno faranno poco per far scendere i prezzi nel breve termine”, spiega Hall.

In luglio, sul mercato Spectrum sono stati scambiati 61,2 milioni di certificati, con il 31,7% dei volumi avvenuto al di fuori dell’orario tradizionale (cioè tra le 17:30 e le 9:00). L’84,5% degli strumenti scambiati è collegato agli indici, il 7,2% alle valute e l’8,3% alle materie prime, mentre i primi tre sottostanti per volumi sono stati DAX 30 (32%), OMX 30 (16,4%) e NASDAQ 100 (12,9%).

Guardando i dati SERIXTM per i tre principali sottostanti, il DAX 30 si è insinuato in territorio rialzista, salendo da 98 a 101, mentre l’OMX 30 ha continuato a invertire parte dello slancio rialzista visto quest’anno, scendendo da 94 a 92 in luglio. Il sentiment sul NASDAQ 100 nel frattempo è salito a 98, dal 91 di giugno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, IG: ecco il “termometro del trading” del 3° trimestre

Certificati, da Cirdan Capital sei nuovi Tracker Delta One

Certificati e distribuzione, Consob chiarisce i dubbi

NEWSLETTER
Iscriviti
X