Bnp Paribas Am conquista Dynamic Credit Group

A
A
A
di Redazione 27 Settembre 2021 | 10:57

BNP Paribas Am accelera nell’espansione della propria piattaforma d’investimento con l’acquisizione di Dynamic Credit. L’operazione è in linea con la strategia di crescita della società del gruppo BNP Paribas, in particolare nel comparto dei mercati privati, gestita dalla divisione Private Debt & Real Assets (“PDRA”). La chiusura dell’acquisizione è soggetta ad approvazione normativa.

Dynamic Credit gestisce attivi per 9 miliardi di euro, costituiti principalmente da mutui olandesi originati attraverso la propria piattaforma online, bijBouwe e altri canali. La società offre agli investitori una gamma completa di servizi per questa classe di attivo, inclusa la gestione del portafoglio tramite mandati collettivi e individuali, oltre a servizi di reporting e valutazione. Oltre ai mutui olandesi, Dynamic Credit fa leva su una grande esperienza nella creazione e nella gestione di portafogli di prestiti ampiamente diversificati per individuare prestiti personali e prestiti alle PMI da inserire nel proprio fondo Diversified Loan. All’interno di Dynamic Credit, LoanClear funge da società di consulenza indipendente focalizzata sugli investimenti creditizi illiquidi. Tra le sue attività sono compresi i servizi di valutazione, benchmarking delle performance di portafoglio e gestione delle transazioni di portafoglio.

L’operazione offre alla divisione PDRA l’opportunità di accelerare lo sviluppo delle proprie competenze in materia di mutui ipotecari dei Paesi Bassi. Grazie all’interessante profilo rischio-rendimento e alle basse spese di capitale legate alla direttiva Solvency II, i mutui olandesi rappresentano un investimento molto interessante per gli investitori istituzionali in un contesto di bassi tassi d’interesse come quello attuale. Si prevede inoltre che gli investimenti nei mutui olandesi continueranno a crescere in modo costante: questo mercato rappresenta un ambito d’investimento fondamentale sia per assicuratori, fondi pensione e banche nei Paesi Bassi che in generale per gli investitori di tutta Europa.

Dynamic Credit diventerà parte della divisione PDRA, continuando ad operare come entità indipendente sotto la leadership del CEO e fondatore Tonko Gast, che riferirà al consiglio di amministrazione e a David Bouchoucha, CIO e responsabile della divisione PDRA.

Fondata nel 2017, la divisione PDRA opera in tre aree: prestiti societari, attivi reali e finanza strutturata. Attualmente gestisce €11 miliardi di attivi ed ha un team di 50 professionisti con sede a Parigi, Londra e New York.

David Bouchoucha, Responsabile PDRA di BNPP AM, afferma: “Questa partnership segna un passo importante nello sviluppo della nostra piattaforma di debito privato e un significativo progresso in termini di asset in gestione, che ora ammontano a più di €20 miliardi. L’operazione arricchisce la nostra offerta anche di competenze innovative e ben consolidate nella creazione, gestione e assistenza di portafogli di prestiti, in particolare all’interno dell’area ipotecaria. Siamo impazienti di far conoscere ai nostri clienti le nuove opportunità che questa partnership porterà in termini di valore aggiunto ai loro portafogli di debito privato”.

Tonko Gast, fondatore e CEO di Dynamic Credit, commenta: “Il supporto di un asset manager leader come BNP Paribas Asset Management è fondamentale per il nostro sviluppo futuro e ci consentirà di estendere i nostri network di distribuzione in Europa. Dynamic Credit e BNPP AM condividono valori simili e sono totalmente allineati in termini di doveri fiduciari e nell’approccio ai servizi al cliente. Sostenibilità e innovazione sono priorità strategiche per entrambe le società, e le continueremo a rafforzare, in particolare in relazione ai mercati privati”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Morgan Stanley compra E-Trade: operazione record da 13 miliardi

Morgan Stanley acquisisce E-Trade: è l’operazione più grande dalla crisi dei subprime

Sabaf, sottoscritti accordi per l’acquisizione del 68,5% di C.M.I.

NEWSLETTER
Iscriviti
X